21 Condivisioni

Finalmente parla Maurizio Sarri. Lo fa in una intervista concessa in esclusiva al Corriere dello Sport. Ecco alcuni stralci: “Higuain avrebbe potuto farmi almeno una telefonata, anche solo cinque minuti prima di sottoporsi alle visite mediche. Mi resta una grande amarezza. Lo aspetto con la Juventus al San Paolo. Non sarà una partita qualsiasi. Sulla carta il destino del campionato sembra già segnato, però ci sono trentotto partite e una per loro sarà proibitiva. Se invidio Allegri? Per nulla e oggi non firmerei per il secondo posto. Il mio primo obiettivo è di aiutare il club a crescere ancora”.