NAPLES, ITALY - AUGUST 30: HeaD coach of Napoli Maurizio Sarri looks on during the Serie A match between SSC Napoli and UC Sampdoria at Stadio San Paolo on August 30, 2015 in Naples, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)
2 Condivisioni

Si ricomincia da Palermo. Dopo tante chiacchiere per il finale di mercato e settimane di allenamento atipico e senza molti nazionali, il Napoli stasera prova a dare continuità a tutto quello che di buono ha fatto vedere lo scorso 27 agosto al San Paolo contro il Milan. Quel 4-2 finale ha fatto ritrovare un po’ di sorriso a coloro che c’erano rimasti male per l’addio di Higuaìn e per il mancato arrivo di un bomber di grossa portata. Quel 4-2 della seconda giornata di campionato ha fatto capire che si può segnare molto anche senza il Pipita. Solo che il tecnico toscano, parlando ieri solo a Mediaset Premium, ci ha tenuto a precisare che l’assenza di Gonzalo, almeno nell’immediato, è pesante. Certo, sono arrivati tanti bravi giovani, ma la prospettiva adesso non conta. Sarri si è anche lamentato del fatto che tutti dicono che ha a disposizione due Napoli. E secondo lui non è stata fatta una buona informazione poiché in rosa ha calciatori non al top e qualcuno infortunato. È sicuramente vero ma bisogna guardare avanti con ottimismo. Se il sor Maurizio è il primo a mettere le mani avanti va a finire che poi qualcuno potrebbe trovare degli alibi in una stagione dove almeno ci si deve confermare. Certo, manca un bomber da 36 gol ma dopo due giornate nessuno se ne è accorto. Può darsi che con il passare del tempo ci sarà qualche gara dove si segnerà poco ma sarebbe assurdo tirare ancora in ballo l’argentino traditore. Stasera al Renzo Barbera sarebbe fondamentale esprimersi a grandi livelli in vista della prima trasferta europea di martedì prossimo in Ucraina contro la Dinamo Kiev. Sono eccitati gli azzurri, tanti non hanno mai sentito la famosa musichetta e non vedono l’ora di emozionarsi. Anche il tecnico è un novizio dell’Europa che conta ma il suo dovere è quello di pensare ad una partita per volta. Ed è per questo che devono essere concentrati tutti sulla partita contro i siciliani. Che dopo due turni di campionato hanno già un altro allenatore. Che non siederà neanche in panchina perché ha una squalifica da scontare. Roberto De Zerbi ha sostituito Davide Ballardini. Quest’ultimo ha salutato Zamparini perché scontento del mercato. Facendo un favore all’ex giocatore azzurro che si ritrova per la prima volta nel calcio che conta. Ha potuto fare veramente poco l’ex trainer del Foggia ma questo non vuol dire che il Napoli troverà il “red carpet” a Palermo. I rosanero hanno pareggiato a fatica sul campo dell’Inter e quindi vorrebbero dare un dispiacere anche al Napoli. Sulla carta non ci dovrebbe essere storia. Hamsik e compagni hanno una organizzazione tattica ben collaudata. Nulla ha potuto il Milan, ma guai ad entrare in campo come con il Pescara all’esordio. Serve una grande squadra che deve evitare di distrarsi anche una sola volta in difesa. D’altronde in due gare sono stati segnati sì sei gol ma ne sono stati incassati quattro. E questo proprio non va bene per un Napoli che ha bisogno di certezze e conferme in questa stagione. Anche se non c’è più Higuaìn…

Fonte:

Il Roma