0 Condivisioni

L’ex capitano della Nazionale, Fabio Cannavaro, è intervenuto quest’oggi a Febbre a 90, in onda su Vikonos Web Radio/Tv. Ecco le sue dichiarazioni:

La bicicletta è diventata la mia passione, per due motivi: prima di tutto perchè non sento dolori, per il mio ginocchio è un vero toccasana. E poi, perché brucio molte calorie e posso mangiare qualcosa in più…

Il cammino del Napoli? Spalletti sta recuperando molti giocatori, tra infortuni, Covid, squalifiche erano mancati in troppi, il Napoli al completo se la gioca con chiunque. Ora il calendario mette gli azzurri di fronte a squadre certamente più alla portata, tuttavia le sconfitte con Empoli e Spezia insegnano che le gare vanno giocate. Il Napoli non deve fare calcoli e pensare a sè, poi se gli altri fanno passi falsi bisogna approfittarne.

Quale assenza più penalizzante? Beh, facile: quella di Osimhen. Il ragazzo ha fatto la differenza ad inizio anno, il suo infortunio è stato determinante in negativo, per il Napoli. Ora che non è andato in Coppa d’Africa ed è rientrato, potrà aiutare tantissimo tutto il reparto offensivo azzurro.

La coppia Rrahmani-Juan Jesus? Sta crescendo, come tutti i giocatori del Napoli chiamati in causa in seconda battuta. I due erano infatti partiti come riserve di Koulibaly e Manolas, si sono fatti valere e non hanno concesso praticamente nulla ai loro avversari, la nuova coppia si sta imponendo molto bene. Anche Tuanzebe ha bisogno di tempo, si gioca ad altisismi livelli e sono convinto potrà dare una grande mano, del resto viene da un campionato super competitivo come la Premier League.

Insigne? Da capitano a capitano, in bocca al lupo a lui. Lorenzo ha fatto una scelta difficile, da napoletano lasciare Napoli non è semplice, rispettiamo la sua scelta, ha dato tutto finchè è stato chiamato in causa. In questi anni Insigne ha dimostrato grande attaccamento alla maglia, se lui ed il Napoli non hanno trovato l’accordo è giusto poi andare altrove.

Il “no” alla Polonia? Mi dispiace molto, la squadra è davvero forte, la seguivo, ha grandi giocatori. Tuttavia, per preparare una partita così delicata come uno spareggio Mondiale c’era troppo poco tempo a disposizione ed io sono abituato a stare in campo, a confrontarmi con gli altri, mi piace mettere in campo le mie idee e spiegare il mio calcio ai giocatori. Solo per questo – chiude Cannavaro – ho detto di no”.

  • 🇮🇹 LA SFIDA. Spalletti punta su Meret e recupera Osimhen
    C’è Meret in pole su Ospina per difendere la porta del Napoli a La Spezia. Conferme in vista nel reparto arretrato: pronti Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly e Mario Rui. A centrocampo può partire dalla panchina Fabian Ruiz: provati Anguissa e Lobotka. Davanti buone notizie oggi da Osimhen, in gruppo per tutta la seduta dopo la […]
  • ♨️ CLAMOROSO. Agenti a lavoro da mesi per portare Osimhen in Premier
    La Premier League vuole Victor Osimhen con diverse squadre interessate. Come scrive l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, da tempo sull’attaccante del Napoli hanno messo gli occhi il Manchester United e l’Arsenal, mentre in gennaio era stato il Newcastle a farsi avanti per ingaggiarlo. Sono mesi che agenti e mediatori lavorano su un affare […]
  • 😶 LIGA. In Spagna scrivono: “Koulibaly è la priorità di mercato del Barcellona”
    Il Corriere dello Sport parla di Koulibaly: “Stavolta, con un contratto che evaporerà nel giugno del 2023 e la possibilità – si chiama anche «rischio» di poter perdere un patrimonio, la tentazione potrebbe spingere i pretendenti a rifarsi vivi: in Spagna, «Sport» l’ha toccata piano, nell’analisi del Barcellona che verrà: fotografia a tutta pagina, titolo […]
  • 😉L’ESTERNO. Giuntoli punta il suo pupillo del Genoa
    Il Corriere dello Sport: “Il pupillo di Giuntoli in realtà si chiama Andrea Cambiaso (22), un rapporto diretto sin da Savona, contatti che sono rimasti frequenti, una stima che è andata crescendo e una scadenza contratto (2023) che può rappresentare un elemento a favore. Su Cambiaso il Napoli si è allertato in epoca non sospetta, […]
  • 👍ULTIM’ORA. ADL: “Vogliamo che Koulibaly resti ma deve decidere lui”
    Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato del futuro di Koulibaly da Napoli a margine del Villaggio della Salute: “Koulibaly è un simbolo del Napoli e se non vuole più esserlo è lui che deve deciderlo. Noi vogliamo che resti ma la gente non la si può obbligare. Ognuno ha le proprie esigenze”