0 Condivisioni

Jack punta ad una maglia da titolare per il match con l’Inghilterra: “Sono più attaccante che rifinitore, giocando al centro posso stare più vicino alla porta”

Può un classe 2000 essere già un habitué di Coverciano? Sì, se ha il talento cristallino di Giacomo Raspadori, uno che è abituato a bruciare le tappe e che a ventidue anni ha messo già in bacheca un titolo Europeo. Tredici presenze e tre reti in Nazionale, convocato a sorpresa da Mancini per EURO 2020, il piccolo Jack è diventato grande, come testimoniano i 35 milioni di euro investiti in estate dal Napoli per portarlo alla corte di Luciano Spalletti: “Ai giovani – le sue parole in conferenza stampa – consiglio di non mettersi limiti e di credere nei propri sogni”.

E a proposito di sogni: “Il sogno di ogni bambino è arrivare a giocare il Mondiale, sarà difficile non esserci. Dobbiamo ripartire e il modo migliore per ritrovare entusiasmo è divertirsi in campo. Lavorare è l’unica strada che conosco per fare di nuovo qualcosa di grande”. Intanto il primo obiettivo è battere Inghilterra e Ungheria, cercando di raggiungere per il secondo anno consecutivo la Final Four di Nations League: “Non c’è preoccupazione, ma voglia di fare bene. Sono due gare importanti che arrivano in un momento in cui ci sono tante partite. Dobbiamo arrivarci al meglio, soprattutto dal punto di vista fisico, e fare due buone prestazioni”.

Il match con l’Inghilterra evoca il dolce ricordo del trionfo di Wembley, un Europeo indimenticabile che Raspadori non pensava di poter vivere da protagonista: “È stata una grandissima opportunità. Ho avuto la fortuna di entrare in un gruppo speciale, dove mi sono sentito da subito parte integrante. E nel mio piccolo penso di aver fatto qualcosa di importante”. La duttilità è una delle migliori qualità di Raspadori e Mancini anche ieri ha sottolineato di poterlo impiegare in più ruoli. Ma qual è la sua posizione preferita in campo?: “Mi esprimo al meglio nella zona centrale – spiega – in questo modo posso stare più vicino alla porta. Sono più attaccante che rifinitore e posso fare anche l’esterno sia di sinistra che di destra. Avere un altro attaccante al mio fianco forse è meglio”.

Dopo il successo nel posticipo con il Milan, è arrivato a Coverciano in compagnia di altri quattro compagni di club (Meret, Di Lorenzo, Zerbin e Politano, quest’ultimo costretto al forfait e già tornato a casa), a riprova dell’ottimo avvio di stagione di un Napoli primo in classifica in campionato e a punteggio pieno nel girone di Champions League. Lui ha già dato un prezioso contributo, sbloccando nel finale la partita con lo Spezia e realizzando con i Rangers il suo primo gol in Champions: “Sono molto contento, cercavo di ambire a qualcosa di più grande per il mio percorso. A Napoli mi sto trovando benissimo, sono entrato in una famiglia con persone per bene e ringrazio mister Spalletti e la società per avermi voluto. Del Napoli porterei in Nazionale il coraggio di rischiare, di giocare in avanti e di essere spensierati nell’affrontare la partita”. E nell’elenco dei ringraziamenti c’è posto anche per il club che lo ha lanciato: “Ho avuto la fortuna di crescere in una società come il Sassuolo, che mi ha dato la possibilità di sbagliare. Poter sbagliare è fondamentale per un giovane e mi ha portato ad avere più sicurezza in me stesso”. ItaSportPress

Portieri: Gianluigi Donnarumma (Paris Saint Germain), Alex Meret (Napoli), Ivan Provedel (Lazio), Guglielmo Vicario (Empoli);

Difensori: Francesco Acerbi (Inter), Alessandro Bastoni (Inter), Leonardo Bonucci (Juventus), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Federico Dimarco (Inter), Emerson Palmieri (West Ham), Federico Gatti (Juventus), Luiz Felipe (Betis Siviglia), Pasquale Mazzocchi (Salernitana), Rafael Toloi (Atalanta);

Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Bryan Cristante (Roma), Salvatore Esposito (Spal), Davide Frattesi (Sassuolo), Jorginho (Chelsea), Tommaso Pobega (Milan), Sandro Tonali (Milan);

Attaccanti: Matteo Cancellieri (Lazio), Manolo Gabbiadini (Sampdoria), Wilfried Gnonto (Leeds), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Giacomo Raspadori (Napoli), Gianluca Scamacca (West Ham), Alessio Zerbin (Napoli).

  • 🫰 SOLDI. Pioggia di euro per il Napoli grazie al cammino in Champions
    Nella serata di ieri il Napoli ha surclassato l’Ajax alla Johan Crujiff Arena di Amsetrdam, nella sfida valida per la terza giornata del girone di Champions League. La squadra guidata da Spalletti si è imposta 6-1 grazie alla doppietta di Raspadori e ai goal di Di Lorenzo, Zielinski, Kvaratskhelia e Simeone. Gli Azzurri hanno messo […]
  • 🎲 NUMERI. Nessuno in Champions League segna quanto il Napoli
    13 gol in tre partite del girone. Nessuno segna come il Napoli in questa edizione delle coppe europee: gli azzurri hanno una media di 4,3 gol per gara in  questa Champions League, media lontana da tutte le altre concorrenti in lizza quest’anno. Un risultato raggiunto grazie alle tre vittorie conquistate contro Liverpool, Rangers Glasgow e […]
  • 👌 L’INTERVISTA. Kvara alla Uefa: “Goal in Champions? I miei sogni stanno diventando realtà”
    Khvicha Kvaratskhelia, esterno d’attacco del Napoli, è intervenuto ha parlato al sito Uefa dopo la vittoria per 6-1 in casa dell’Ajax: “Penso che i sogni diventino realtà perché sto giocando in Champions League e ho segnato oggi. Sono così felice, ma era anche importante che la squadra vincesse”. Di Lorenzo è stato il migliore in […]
  • 🇮🇹 FOCUS. Il Napoli sta demolendo i luoghi comuni sul calcio italiano
    Il Corriere dello Sport: “Questo è il Napoli post rivoluzione, e s’è già detto, ma questo è il Napoli che sta attuando un’altra rivoluzione, che porta in giro per l’Europa la sua autorevolezza in giro per la Champions, che domina sempre, con la testa pure, che demolisce i luoghi comuni sull’inadempienza del calcio italiano. I […]
  • 😃 CONFRONTI. La Gazzetta paragona Raspadori a Romario e Aguero
    La Gazzetta dello Sport: “Per chi pensa che un attaccante possa avere piedi e testa di un trequartista: riguardare in loop quello che fa Raspadori nell’azione che porta al 3-1 di Zielinski, come viene incontro e si materializza in sponda disegnata. Se nessuno si scandalizza, una cosa alla Romario alla Aguero. Quando si dice un centravanti […]