0 Condivisioni
A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Antonio Corbo, giornalista.
“Insigne sembra imbronciato anche perchè nelle ultime 4 partite non ha giocato mai una gara intera. In Nazionale ha giocato 57′ con la Spagna e gli ultimi 4′ con il Belgio. Proprio perché è stato sostituito è un tantino affannato, in questa stagione è stato tra i migliori e ha giocato partite sublimi e massacranti. Il discorso logorante sul contratto può solo nuocere, quindi firmare o tacere. Io auspico che lui possa dare il suo massimo contributo in questa stagione, bisogna blindarlo e lasciarlo tranquillo. Altrimenti diventa una trattativa sfibrante che non fa bene al giocatore. O bisogna accelerare la trattativa o rinviarla di qualche mese.
Insigne ha bisogno di una condizione perfetta per incidere, a volte fa dei rientri che sono massacranti e dev’essere lasciato nella massima serenità. Juventus può lottare per lo Scudetto? Sì, sono abituati a prodigiosi recuperi e hanno una qualità importante. Ma il Napoli deve pensare a sé stesso e alle altre squadre di vertice. Il Napoli ha un turno apparentemente favorevole contro il Torino che però è una squadra insidiosa. Il Milan gioca contro il Verona, che pure è una squadra difficile ma non impossibile. Juventus e Inter giocheranno contro Roma e Lazio, sono partite pesanti. Potrebbe essere un turno favorevole alla fuga di Napoli e Milan ma niente è definitivo. Se è l’anno buono lo sapremo a maggio ma certamente vediamo un Napoli che vince, che è equilibrato e che ha un tecnico che sta mostrando il suo valore.
I giornalisti non possono vedere gli allenamenti? Quando noi andavamo al campo, spesso c’erano scazzottate o calcioni di giocatori contro i compagni e queste cose finivano sui giornali. Magari queste cose ora accadono più di frequente ma tanto le cose più clamorose si vengono a sapere lo stesso. Sembrano quelli che in certe chiese non fanno entrare le signore in décolleté. Ogni tanto dobbiamo pensare in positivo sul Napoli, godiamoci questo periodo”.