0 Condivisioni

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, ha parlato in Press Conference dopo il pari col Verona. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “Penso che il Napoli abbia fatto quasi il massimo, probabilmente si poteva fare qualcosa in più. Contro squadre così forse bisognava fare altro. Si poteva avere più fortuna. Le partite ravvicinate incidono un po’. Al 50% era una squadra nuova. Non andrei a trovare alibi. Abbiamo possibilità di vincere ugualmente le partite. Faccia a faccia con Tudor? Niente nervosismo. Tutto nella norma. Nella metà campo ci sono stati dei falli. Bisogna saper reagire e fare come gli altri. L’arbitro? Dobbiamo pensare ad esibire il massimo nelle partite. Effettivamente il tempo di recupero e’ una vecchia battaglia. Fallo su Osimhen? L’hanno riguardato e il quarto uomo ha detto che non c’era rigore. Non voglio andare ad appellarmi alle situazioni. Non e’ vero che non parlo degli arbitri. A volte i giocatori non riescono a dare quel qualcosa in piu’ in termini di follia nelle giocate dei singoli. La mentalità vincente è fino ad un certo punto. Ogni volta vedi l’avversario, la partita, la palla. E’ cio’ che ti determina la palla vagante. Ogni volta che metti la maglia che sensazione ti determina. E’ la partita che deve determinarla a vincerla sempre. Poi in fondo vedremo quante ne avremmo vinte. Demme al posto di Zielinski? E poi il trequartista chi l’avrebbe fatto? Puo’ darsi. Finora abbiamo giocato con Fabian mediano. Ne abbiamo vinte 10. Anche Lobotka, quando e’ entrato, ha fatto molto bene. Forse potevo cambiare un poco prima”.