0 Condivisioni

L’Italia ha raggiunto il record di Vittorio Pozzo: 30 risultati utili consecutivi. Battuto il Galles 1-0, grazie ad un gol di Pessina.

LA PAGELLA DI GOAL

DONNARUMMA 6: Ancora una partita da spettatore o quasi per Gigio, che si fa apprezzare per la sicurezza coi piedi quando chiamato in causa dai compagni. (89′ SIRIGU sv)

TOLOI 6: Prestazione ordinata, diligente, lascia campo a Chiesa coprendogli le spalle con grande intelligenza tattica.

BONUCCI 6: 45 minuti di ordinaria amministrazione, viene preservato nella ripresa in vista degli ottavi (46′ ACERBI 6: Come contro la Svizzera, entra dalla panchina e si cala subito nella parte con la consueta fisicità)

BASTONI 7: 22 anni e una maturità disarmante, si destreggia con grande personalità mettendo in mostra anche la qualità del suo sinistro. Alternativa importante per Mancini.

EMERSON 6,5: Dei due terzini è quello incaricato di sovrapporsi con continuità, non ha la vivacità di Spinazzola ma garantisce spinta sulla corsia mancina.

PESSINA 7: Negli inserimenti senza palla ha poco da invidiare ai migliori in Europa, oltre al goal ci mette anche tanto dinamismo e spirito di sacrificio. (87′ CASTROVILLI sv)

JORGINHO 6,5: La sua maestria nei passaggi non è certo una notizia, il ritorno di Verratti gli permette anche di delegare talvolta i compiti di regia e di tentare qualche sortita offensiva. (75′ CRISTANTE 6: Fa rifiatare Jorginho, aggiungendo muscoli al centrocampo azzurro)

VERRATTI 7: Forse la più bella notizia del pomeriggio per Mancini, il campione del PSG dimostra di essere in ottime condizioni e di essere elemento preziosissimo per questa Nazionale. Tocca una quantità spaventosa di palloni, giocandoli con la solita, consueta personalità.

BERNARDESCHI 6,5: Prova più che positiva dello juventino, nel primo tempo in assoluto uno dei migliori tra gli azzurri. Colpisce anche un palo nella ripresa, poi dopo qualche errore di troppo viene richiamato da Mancini. (75′ RASPADORI 6: Un quarto d’ora per la rivelazione del Sassuolo, troppo poco per mettersi davvero in mostra)

BELOTTI 6: Lotta con la solita grinta ma non trova il pallone giusto per lasciare il segno. Solo un tiro nello specchio, non abbastanza per mettere in dubbio la titolarità di Immobile.

CHIESA 7: Quando prende palla e punta l’uomo è spesso imprendibile, si vede che ha voglia di spaccare il mondo e mettere in difficoltà Mancini nelle sue scelte future.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma 6 (89′ Sirigu sv); Toloi 6, Bonucci 6 (46′ Acerbi 6), Bastoni 7, Emerson 6,5; Pessina 7 (87′ Castrovilli sv), Jorginho 6,5 (75′ Cristante 6), Verratti 7; Bernardeschi 6,5 (75′ Raspadori 6), Belotti 6, Chiesa 7. Ct: Mancini 7

GALLES (3-4-3): Ward 6; Rodon 6,5, Ampadu 5, Gunter 6; C. Roberts 5,5, Allen 5,5 (86′ Levitt sv), Morrell 5,5 (60′ Moore 5,5), N. Williams 6; Bale 5,5 (86′ Brooks sv), Ramsey 5, James 6 (74′ Wilson 5,5). Ct: Page