Condivisioni 1

Mario Sconcerti, editorialista de Il Corriere della Sera, è intervenuto nel corso di “Marte Sport Live” rilasciando alcune dichiarazioni: “Mario Rui e Strinic sono giocatori diversi, il portoghese è più offensivo ed è un’ottima soluzione per la fascia. Cercare terzini forti era molto difficile. Il Napoli rispetto ad un anno fa ha il vantaggio di avere un attaccante da trenta gol come Mertens a cui si aggiunge anche Milik. La squadra ha acquistato uno schema offensivo in più rispetto a se stesso. E’ un miglioramento importante. Sarà importante conservare questo spirito battagliero nel corso della stagione, ma sono convinto che con Sarri questo verrà in modo naturale. Al momento il Napoli è alla pari della Juventus. Mi soprende come il Napoli stia riuscendo a risolvere i casi più spinosi e sono convinto che capiterà anche per Reina”.

Fonte:

Tuttonapoli

  • Wpocho

    Ti spiego perché porti sfiga…

  • Marittiello, detto Mary – FNS

    terque quaterque testiculis tactis
    mammama’ che seccia…

  • filmauri

    “Vi spiego perché nella Juve CR7 finirebbe in panchina…”

    • forzanapoli978 compraci cavani

      Boh addio speranze

  • Marittiello, detto Mary – FNS

    ciccio graziani legge azzurrissimo, copiaincolla da Roberto

  • Pillole serali

    La juve sarà ancora avanti anni luce
    Mario Rui nuovo Paksimovic?
    Berenguer è un terzino o un’ala?
    Nuovo editto bulgaro per Pistocchi?

  • Goldstein

    Nuova maglia: a me piace! Speriamo che la useremo spesso

  • Prudenzio©-Capo dei DISTURBATI

    ”Se spendo poco, non pagando giocatori con alti ingaggi, ma valorizzando quelli che abbiamo, risparmio soldi. Con quei soldi, posso comprare giocatori mediocri strapagandoli. Per fortuna c’ho Sarri e Giuntoli che mi indicano altri giocatori da valorizzare” (Don Aurelio Santiago De Laurentiis, 2027, prima di farsi intitolare lo stadio pagato dal comune).

  • robertoLEONEda tastiera

    Anche a me suona strano che il bayern cede douglas Costa avendo robbene e Ribery a fine carriera..mah
    Forse volevano prendere Ounas e Dela li ha bruciati sul filo di lana?

  • Goldstein

    Intanto la juve pare che rinunci a Shick

    Interessante intervista a Milik.

    “E’ stata dura, molto. Però è passata: sono diventato un uomo più forte”. Capitolo infortunio chiuso per Arek Milik che non vede l’ora di guardare avanti e in un’intervista al Corriere dello Sport dice: “ho già perso troppo tempo, voglio recuperare. Su tutti i fronti. Ora sono al 100%, ho recuperato alla grande dall’infortunio e sto lavorando come mai. Ho un mese per migliorare ancora e arrivare al top al preliminare Champions: è importantissimo per noi”. Chi sarà il titolare tra te e Mertens? “E’ Sarri a dover rispondere. E poi non è ancora il tempo delle scelte. Dovendo giocare 60 partite, o almeno spero, ci saranno chance per tutti”. Sembra quasi non ci sia rivalità tra i due, anzi. Arek dice di Dries: “E’ un ragazzo eccezionale e un grande giocatore: con lui e con tutti gli altri si fa calcio vero”. Il migliore gioco d’Europa? “Tra i migliori. Dire che sia il top non è giusto, perché bisogna sempre avere lo stimolo di migliorare”. Con la stessa logica dà voto 9 all’attacco azzurro: “se dicessi dieci sarebbe come sedersi. Si dve sempre migliorare”. A proposito di 9, perchè hai scelto il 99? “Ci sono affezionato da ragazzino”. Credi allo scudetto? “Assolutamente sì. Voglio vincere. Voglio vincere tutto. Sono 23 anni che aspetto. Da quando sono nato”. Juve? “Non amo i paragoni. Pensiamo soltanto a noi. Tra l’altro, Milan e Inter si sono rinforzate tanto e la Roma è sempre là: il livello cresce e anche gli stimoli. Sarà fantastico misurarsi con tante squadre di grande spessore”. Oltre che per Mertens, Arek ha parole d’oro anche per Reina: “E’ fondamentale. Un grandissimo portiere e il nostro leader” e Zielinski: “Un fenomeno nato per il grande calcio: lo conosco
    da ragazzino e ha sempre avuto un qualcosa d’inspiegabile”. Con Pepe, Piotr e gli altri, Arek vuole rivivere notti da favola in Champions: “Le notti di coppa al San Paolo mi piacciono da morire. L’urlo dello stadio è pazzesco: giocare in Europa con Real, Barça, Manchester, Paris è speciale. Il Napoli deve esserci”. Infine una battuta sulla città partenopea: “E’ bellissima: le isole, Pompei, il centro. E la gente è meravigliosa. Amo il sole e il mare: sono un polacco con l’anima latina. E in 23
    anni non ho mai mangiato così bene”. Anche per questo conclude: “Hai avuto offerte sul mercato? “Beh, forse qualcosa. Sono io, però, a non averle prese minimamente in considerazione: sono felice a Napoli e voglio vincere con il Napoli. Stop”.

  • PINUCCIO (anti-Pappy)

    “Se io vinco, genero soldi. Con quei soldi ingrandisco lo stadio e con i soldi dello stadio potrò comprare altri giocatori con cui vincerò, genererò altri soldi e ingrandirò ancora lo stadio”.
    Don Santiago Bernabeu, poco più di 60 anni fa.

    Invece con Dela la cosa è così:

    se compro ninnilli ho la possibilità di mettere a segno tante PLUSVALENZE,
    con quelli genero PIAZZAMENTI che sono altri soldi per le mie tasche.
    Don Santiago aggiornati su!
    Buongiorno 😅😅

    • Goldstein

      Se io mi faccio prestare i soldi dalle banche e faccio quasi fallire quelle banche perché non gli ridò i soldi indietro, forse vinco. E se vinco nessuno mi chiede indietro i soldi che ho preso dalle banche

      Don Santiago Bernabeu, poco più di 60 anni fa

      • PINUCCIO (anti-Pappy)

        Se io Giggin o fruttaiuolo non investo e ragiono solo con quello che guadagno …
        ed in più NON SPENDO NEPPURE QUELLI…
        oltre ad essere un Pappy rimango per sempre il Giggin o fruttaiuolo del paesello.

        • Goldstein

          Perché spendere? Tanto basta la fortuna

          • PINUCCIO (anti-Pappy)

            Progetto Napoli slot machine😆😆

  • PINUCCIO (anti-Pappy)

    Intanto un applauso a Roberto.
    I suoi post mi piacciono un sacco. 👍

    “Ronaldo farebbe panchina alla Juve.”
    Diamo spazio ancora a sto bazellettiere?