Condivisioni 2

Il Napoli che verrà nasce da un’esigenza prioritaria: individuare il successore di Pepe Reina. A 35 anni, infatti, il portiere spagnolo non sembra intenzionato a rinnovare il suo contratto in scadenza a giugno. Già ora potrebbe accordarsi con un nuovo club.

IL FAVORITO –  Per la successione c’è un profilo che ha guadagnato sempre più credito nelle ultime settimane. Restituito all’originaria esplosività fisica, Mattia Perin è stato riportato su livelli d’eccellenza dalla cura Ballardini. Il Genoa non prende gol da quattro partite e il portiere di Latina ha grandi meriti, certificati dall’impennata dei voti in pagella. Il ds rossoblù Giorgio Perinetti, nel gioco delle parti, ha sostanzialmente ammesso il flirt: Perin piace al Napoli, può andarci in estate, certamente non a gennaio. A 25 anni, con il contratto in scadenza nel 2019, Perin si troverà tra qualche mese in una congiuntura favorevole per giocarsi la carta più importante della sua precoce carriera. Frenato solo dagli infortuni, è infatti alla sesta stagione da titolare in A e frequenta stabilmente il giro azzurro. Da portiere, in ogni caso, ha ancora davanti una carriera lunghissima e pochi alla sua età possono vantare una simile esperienza. A un anno dalla scadenza, per acquistarlo basterà un’offerta tra i 15 e i 20 milioni di euro. Solo un appunto: gli servirà migliorare con i piedi, per adeguarsi all’approccio collaborativo che Sarri chiede al numero uno nella prima impostazione.

PISTE ESTERE– I piani alternativi portano Giuntoli in Spagna e Germania, guarda caso su altri venticinquenni. Bernd Leno del Bayer Leverkusenpotrebbe costare più caro, con il contratto in scadenza nel 2020 che non impone al club tedesco di monetizzare. Per l’argentino Geronimo Rulli della Real Sociedad il giro è più contorto, essendoci di mezzo il Manchester City che può esercitare la recompra (ma, in quel caso, potrebbe subito piazzarlo di nuovo sul mercato). L’opzione Perin diventa a questo punto la più semplice, conveniente e  priva incognite sull’adattabilità al nostro calcio. La scelta naturale, se il genoano dovesse concludere la stagione senza nuovi acciacchi.

@pietroscogna

Fonte:

calciomercato.com

7 COMMENTI

  1. A proposito di programmazione.
    Ok adesso su due piedi è impensabile raggiungere subito la Juve…..
    però se non iniziano ad investire….. in futuro come pensate di competere? Con i miracoli sportivi?
    E con questo non mi riferisco solo sul discorso acquisto dei giocatori, ma pure su quello societario.
    Bisogna iniziare ad investire nella rosa eppure x AUMENTARE IL FATTURATO, lo sto dicendo da anni.
    Se poi non investono neppure quello che guadagnano (vedi soprattutto lo scorso anno) addio.

  2. Verdi o Deulofeu basta che si sbrigano.
    Fatto questo aspetto terzino e centravanti.
    Se qualcuno pensa di puntare tutto suoi recuperi miracolosi di gamba di legno Milik e Ghoulam sogna.

LASCIA UN COMMENTO