Foto LaPresse - Gerardo CafaroSabato 25 Febbraio 2017, Napoli (Italia)Sport CalcioS.S.C. Napoli vs Atalanta Bergamasca CalcioCampionato italiano di Calcio Serie A TIM 2016/2017 - Stadio “San Paolo”Nella foto: Mertens delusoPhoto LaPresse - Gerardo CafaroSaturday 25th February 2017, Naples (Italy)Sport SoccerS.S.C. Napoli vs Atalanta Bergamasca CalcioItalian Football Championship League A TIM 2016/2017 - “San Paolo“ Stadium In the picture: Mertens
Condivisioni 7

Si ferma a quattordici la striscia di risultati utili per il Napoli di Sarri.

14 che nella smorfia napoletana è, precisamente, o’ ‘mbriac (l’ubriaco). In questa città dove tutto gira attorno ai numeri ed al loro significato, per l’ennesima volta, tutto sembra coincidere con le credenze popolari. La squadra azzurra, sebbene si trovasse di fronte un avversario a dir poco scomodo, ha dato l’impressione di essere letteralmente ubriaca. Ubriaca dai pensieri, forse, o dalla stanchezza, fatto sta che il Napoli non è mai riuscito ad opporsi, lucidamente, all’Atalanta. Una manovra eccessivamente lenta, teste senza idee e idee senza finalizzatori. Certo, nel computo finale bisogna inserire le due traverse, ma conta meno in un premio di consolazione visto che, il verdetto del campo non lascia molte possibilità di replica.

Niente drammi, niente isterismi, si tratta di una squadra con dei limiti ma con enormi margini di crescita, di una squadra che non si risparmia mai ma che qualche volta si fa mangiare dalla paura di non farcela. Può succedere e, se proprio deve succedere, meglio alla vigilia di un trittico di fuoco, e fin troppo ravvicinato, difficile da affrontare anche per i cuori più impavidi. Ciò che conta davvero è che, quando cadono loro, i tifosi sono pronti a sostenerli con il doppio delle forze. E’ tutto troppo importante per mollare ora e per dare rilievo alle, innumerevoli, sterili polemiche alimentate in ogni dove. Si parte, ora, per arrivare fino alla fine tutti quanti a testa alta…al di là del risultato.

 

“QUANTO E’ UBRIACO UNO UBRIACO ABBASTANZA?” J. Michael Moncrief – Hardey Greaves