7 Condivisioni

Un Milan così provinciale non lo si era mai visto al San Paolo. Sarà, forse, una magra soddisfazione ma è sicuramente la conferma che questo Napoli gioca talmente bene da spaventare qualunque avversario. Si è sentito dire, a fine gara, che il Milan ha fatto una grande partita. Certo! Magari se non si chiamasse Milan, se non avesse il suo storico blasone o se, per qualche strana congiunzione astrale, stesse improvvisamente lottando per la retrocessione. Per cortesia abbiate la bontà di essere obiettivi e di vedere la forza di questo Napoli che, probabilmente non è riuscito a trovare gli sbocchi giusti, ma ha imposto ancora una volta il proprio gioco.  Se perdete il senno, elogiando questo strano Milan, qualcuno s’arrabbia e, oggettivamente, ne ha tutte le ragioni. Il nervoso di turno si chiama Jorginho e ne ha ben d’onde! Il ragazzo rivendica la sua crescita esponenziale, il suo estro, il suo impegno. Jorge Luiz Frello Filho (tutti lo ringraziano per aver semplificato le cose…) ha sposato il Napoli dentro e fuori dal campo.

Veniamo, ora, alle noti dolenti perché, quando non si vince, c’è sempre qualcosa che non va e sarebbe da folli additare solo la sfortuna. La stanchezza comincia a farsi sentire, Hamsik è passato dall’essere il giocatore più sostituito (nella gestione Benitez) a quello più insostituibile e qualche piccolo cedimento, lo slovacco, comincia ad accusarlo. Anche la fase difensiva perde ogni tanto lucidità; sarà per stanchezza o banale disattenzione, ogni volta che il reparto arretrato si prende una pausa il Napoli subisce e, arrivati a questo punto, gli azzurri non se lo possono più permettere.

Parlare di crisi sarebbe imbarazzante, parlare di scudetto ormai perso sarebbe mortificante. Se il Napoli avesse superato la Juventus di un solo punto, sareste scesi in piazza a festeggiare il tricolore? Un punto potrebbe essere niente.

 

“MAI TARDO’ CHI VENNE”.

21 COMMENTI

  1. Luis, tutta la difesa è stata spiazzata dall’intervento di Koulibaly, portiere compreso.
    Secondo me non si doveva dare la possibilità ad Honda di crossare, ma Insigne se lo è guardato semplicemente perché “ci può stare” concedere qualcosa all’avversario. Poi, senza la spizzata di KK quel cross era pure sbagliato.
    Bonaventura, uno dei migliori dei rossoneri, l’ha messa proprio a fil di palo.

  2. …………” la Sindrome passera’ e tornerete a farvi grandi scopate con questo Napoli…mo nun rumpit ‘o cazz’ e fatevi una pugnetta. ”

    AntonioMarano,

    va bene lo sfotto’
    va bene produrre instancabilmente perle marroni a gogo’ sul Napoli

    ma pur di soloneggiare, questa tua arrogante e supponente mancanza di rispetto, usando espressioni orribili e fregandosene:
    – di chi ci legge, e sono migliaia, maschi e femmine di tutte le eta’
    – della splendida redazione e del fondatore del blog, che non lo meritano
    – degli azzurrissimi che condividono con passione gli spazi di questo blog
    forse, dico forse, e’ un po’ troppo

    se non si nasce cafardi, a volte lo si diventa. Tu non lo sei nato ma sei sulla buona strada

    viva la liberta’ di espressione… ma se ci riesci ….non ne approfittare …non ti serve per sottolineare la tua posizione o validare il tuo credo.

    ok
    Non capisci niente di calcio
    Non sei tifoso
    Qualsiasi risultato ti va sempre bene
    sei un competente pezzotto,
    ma non e’ peccato…

    a modo tuo ti sei costruito un personaggio, peccato invece per le volgari istruzioni per l’uso….
    ma…contento tu…

  3. 8 palle gol e il 68% di possesso palla e secondo alcuni bisogna cambiare qualcosa !
    Forse e ‘ meglio cambiare alcuni vero Pellegrini ?
    ah ah ah ah

  4. Neaples si sono abituati troppo bene, con 20 palle gol e 5 gol a partita… non amano la squadra ma il risultato.
    Gente che nella vita si è fatto solo “pugnette” e oggi sofferenti per la “sindrome” della compagna non accettano la mancanza di eccitazione nel rapporto. Gente che non ama, ma egoisti e irrispettosi della condizione altrui.
    Il calcio e il tifare è pura passione, come nei rapporti intimi. Esistono gli alti e bassi, ma in un rapporto unilaterale si soffre. Il Napoli ci ha dato tantissimo, oltre le nostre aspettative, ora che è in una condizione fisiologica, ma non definitiva, lo si critica come una puttana non all’altezza.
    Amare è un’altra cosa, questa gente non lo capirà mai e purtroppo su questo blog, ma anche altrove, ci sono diversi “puttanieri da pallone”.

  5. Antò è stata una conclusione ravvicinata si ma certamente non imparabile quella di bonaventura………se riguardi le immagini Reina poteva prenderla……….è stato poco reattivo !!!

    • Ma hai visto che Bonaventura ha tirato a volo?
      L’ha messa tra palo e portiere e poi Reina l’ha presa ma non è riuscito ad arrivarci in tempo perché la spizzata di Koulibaly ha spiazzato tutti tranne il ragazzo fortissimo Bonaventura.
      Vogliamo parlare di errore di Reina?
      Eglià, mi sembra assurdo, come la stronzata detta da Sky e che Sarri ha spento.

      • Io l’ho rivisto almeno altre 7 volte quel tiro e per me poteva fare meglio …….non era un tiro irresistibile pure se ravvicinato !!!!

          • Non è una pretesa la mia..,,,,,,,,dico solo quello che io ho visto e ho dato una semplice opinione personale……dal vivo sicuramente l’azione sarà stata veloce e quindi difficile per reina avere una reattività migliore…..quindi decade la mia “stronzata”!!!!

          • Non so perché il commento è stato spezzato e la parola “pazienza” è stata riportata due volte, ma c’era dell’altro:
            Reina in altre circostanze ha fatto miracoli, ecco perché ho parlato di pretesa.
            La difficoltà di Reina è stata quella di doversi spostare avendo previsto un impatto col pallone diverso da quello finale.

          • Non vederla come se volessi fare una critica a Reina era riportare solo quello che io ho visto e dare un opinione……….che sarà pure una stronzata…….così come molti ieri hanno giustamente notato un Insigne irritante ,oramai da 3 partite , un Hamsik appannato………

          • No, non la vedo come critica… la critica l’hanno fatta quelli di Sky per ovvie ragioni.
            La nostra è solo una visione dei fatti differente e credo che non potremmo mai criticare Reina che è un TOP Player del Napoli.

  6. totonn da marano….sora monaca e gold-draike……(e non solo)…..

    sono solo dei luridi lecca lecca della società. e chest’è!!

  7. E’ chiaro che molta confusione nasce dalla martellante disinformazione delle tre reti nazionali
    che sempre gli” alcuni” fanno loro per poi portare avanti concetti papponici iniziati fin dai tempi antichi
    Da Mauro a Bargiggia passando a Varriale nostro paesano tutti sempre faziosi e polemici
    Stanno li ad evidenziare i momenti di pausa del Napoli e non si accorgono che il grande Milan pluricampione d’Europa e del Mondo e’ sembrato un pugile all’angolo in attesa di un verdetto di parita’ che alla fine solo nel calcio puo’ arrivare dopo tante mazzate
    Jorginho si e’ dimostrato molto c a.z.z.u.t.o. nelle risposte a Massimo Mauro che ogni volta provoca per piacere e per dovere dimenticandosi che per 3 anni il Napoli e’ stato il suo club
    Ma come spesso succede chi ha avuto anche un passato Rubentino e’ un deviato e anche se a malincuore deve comportarsi di conseguenza per non perdere i privilegi

  8. Sul Gol del Milan io innanzitutto vedo un Bonaventura lasciato completamente solo.Il giocatore piu vicino e’ Callejon che si trova a 2-3 metri di distanza.Peccato perche’ avevamo in pugno la partita.
    Una partita fondamentale.
    Adesso saranno dolori.

  9. Sul Gol del Milan io innanzitutto vedo un Bonaventura lasciato completamente solo.Il giocatore piu vicino e’ Callejon che si trova a 2-3 metri di distanza.Peccato perche’ avevamo in pugno la partita.
    Una partita fondamentale.
    Adesso saranno dolori.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.