Condivisioni 1

spiaggia-nord-estate-ombrelloni

''Il provvedimento che annuncia un aumento dei canoni demaniali e addizionali a carico degli stabilimenti balneari, colpendo di fatto una struttura su due dell'intera Regione Campania, è grave ed immotivato. In un periodo di grave crisi economica si vanno a colpire i gestori, che possono lavorare e guadagnare per pochi mesi all'anno, ma anche i turisti ed i villeggianti, che dovranno fare i conti con servizi sempre più costosi''. 

Questo è quanto dichiarato da Pietro Russo, presidente Confcommercio Imprese per l'Italia della Privincia di Napoli durante una conferenza stampa svoltasi oggi presso la sede partenopea.

Inoltre Russo ricorda che "costringere i gestori a far fronte all'aumento dell'addizionale sui canoni demaniali che la Regione è stata costretta a innalzare dall'attuale 10 al 100 per cento, piazzando così la Campania tra le regioni più care d'Italia, significa penalizzare ancora una volta i clienti, che dovranno fare i conti con prezzi sempre più alti per sdraio e servizi. Tra l'altro già la scorsa estate i gestori hanno dovuto fare i conti con l'assenza di villeggianti. (ricordiamo che nel salernitano quasi il 40% delle strutture era vuoto). Temiamo che in qualche caso gli imprenditori possano addirittura arrivare a chiudere gli stabilimenti''.

Confcommercio Imprese per l'Italia spera ovviamente in una riduzione a queste percentuali ingiustamente innalzate. Colpisce il fatto che solamente la Campania è stata colpita da questo provvedimento tanto penalizzante. 

 

 

 Giorgio Perillo

 Laureando in Giurisprudenza, collaboratore di "Azzurrissimo", ideatore e CEO di TechnoAdvice, il sito per gli appassionati di tecnologia ed informatica. 

 Info: http://www.giorgioperillo.it

 

  • Miles

    ciao giorgio,
    molti stabilimenti balneari pagano delle cifre irrisorie allo stato e comune per la gestione delle spiagge.

    “imprenditori possano addirittura arrivare a chiudere gli stabilimenti”?
    bene, ci saranno nuovamente delle spiagge libere.
    degli aumenti citati credo sia ancora più vergognoso dover per forza pagare per andare a mare, perchè non esiste più una, e dico una, spiaggia libera.
    ciao

  • Giorgio

    Hai ragione, anche la questione delle spiagge libere è molto poco chiara.. approfondirò l’argomento

  • luis05

    Concordo con l’amico Miles …….. pagano una miseria e ti fanno pagare oro ombrelloni lettini e sdraie e ora si lamentano per degli aumenti??? che chiudessero ma non solo in Campania ma in tutta Italia ………..io per qualità prezzo che si paga in Italia non faccio una villeggiatura da almeno 10 anni ………all’estero stai da dio e paghi il giusto !!!!!!
    Abbasso l’Italia !!!!!

  • Giorgio

    Infatti i gestori degli stabilimenti balneari hanno dei prezzi improponibili e sono anche contento quando vedo che nei lidi a pagamento non c’è quasi nessuno.. il problema è capire chi fa il furbo pompando i prezzi durante il periodo estivo e chi invece ha prezzi alti perchè paga un canone demaniale sempre più caro…

  • roberto

    Giusto aumentare i canoni, ma lo stato dovrebbe anche fissare i prezzi dei bagnanti turisti così che il gestore non si rivalga su questi ultimi.
    Come al solito..le cose a metà.
    Che poi paghino canoni irrisori sono d’accordo è una vergogna tutta italiana. In Spagna ed altri paesi europei è inpensabile. La spiagge sono libere, se vui fittarti l’ombrellone lo paghi.

  • Miles

    QUOTO.
    in grecia e spagna vai a MARE ( no nelle fogne a cielo aperto che dobbiamo sorbirci per colpa dei soliti noti) e NON paghi niente.
    poi questi gestori che si lamentano sono tutti in regola?
    i bagnini che vanno e vengono sotto il sole cocente d’estate sono regolari?
    tutti quei lettini fittati sono dichiarati?

    Certo che ci vuole proprio un bel coraggio.
    ormai i tempi delle vacche grasse sono finiti…rassegnatevi.


    roberto:

    Giusto aumentare i canoni, ma lo stato dovrebbe anche fissare i prezzi dei bagnanti turisti così che il gestore non si rivalga su questi ultimi.
    Come al solito..le cose a metà.
    Che poi paghino canoni irrisori sono d’accordo è una vergogna tutta italiana. In Spagna ed altri paesi europei è inpensabile. La spiagge sono libere, se vui fittarti l’ombrellone lo paghi.

  • Giorgio

    NUOVO POST