Condivisioni 0

Kalidou Koulibaly ha parlato ai microfoni della trasmissione Tiki Taka: “Sapevamo che l’anno scorso avevamo iniziato peggio di quest’anno, volevamo cominciare bene sul piano tecnico dopo un anno in più di esperienza. Oggi siamo tutti uniti per non prendere gol. Sappiamo che possiamo crescere ancora, l’anno scorso col Real abbiamo giocato una partita buona, soprattutto in chiesa. Quest’anno siamo più consapevoli, pensiamo a vincere le partite, giocare bene. Mio tweet? Per le cose brutte che stanno succedendo in Libia, lì c’è ancora la schiavitù. Venerdi sarà una partita importante ma non decisiva, vogliamo vincere, sappiamo tutti com’è sentita questa partita a Napoli, faremo di tutto per vincerla, per i nostri tifosi. La cosa importante è continuare la nostra strada e vincere le partite anche dopo questa. Higuain o Mandzukic? Per me non cambia nulla, il mio lavoro è non farli segnare e farò di tutto per farlo”.

Fonte:

tuttonapoli.net

11 COMMENTI

  1. queste fandonie che è meglio incontrarli tutti in campo e batterli non l’ho mai sopportata ….. purtroppo una stagione è fatta anche di episodi e di momenti di svolta …. se possiamo affrontarli senza higuain, cuadrado e lichtsteiner io sono molto contento, poi andrà come andrà …….. ma la spavalderia di dire che li voglio tutti in campo per batterli non mi appartiene, peccherei di juventinite

    • Per me possono mandare in campo anche la Primavera … chissenefrega!!!!
      “L’importante non è vincere ma umiliare l’avversario”

  2. Credo sia la prima volta che è più decisiva per loro che per noi. Non scordiamoci che poi hanno Inter e dopo altre due domeniche la Roma.

  3. l’anno scorso contro il Real abbiamo giocato una buona partita ,soprattutto in chiesa??
    azz allora andiamo a chiedere la grazia ad ogni partita…………….ecco perchè etichettiamo Sarri Santo…………riesce nella grazia.

  4. Ora capisco perché il Milan non fa un gol nemmeno con le mani, Montella nel suo staff aveva Nicola Caccia che curava la fase d’attacco… e quand segnavan 😂 ho pochi ricordi di Caccia al Napoli e quei pochi di ricordi sono del suo cognome senza la I.

    • Non sono molto d’accordo. Lo critichi perché sei molto giovane.
      Caccia ha fatto una buona carriera d’attaccante e non era male.
      Ricordo che stava sempre in fuorigioco perché giocava sul filo della difesa avversaria.
      Col Napoli ha giocato un campionato strano e fatto di grosse attese. Il suo compagno era Aglietti. Insomma, dei due non saprei chi era il più scarso.
      Diciamo che in Serie B si faceva rispettare.
      Molti grandi maestri di calcio, la Serie B da calciatore, non l’hanno manco sfiorata.

      • Era un buon attaccante di serie B. In A soffriva.
        Però io di Caccia ricordo la sua espulsione in finale di Coppa Italia, che ci costò il trofeo.

      • ogni tiro di Caccia diventava un passaggio ad Aglietti ed ogni tiro di Aglietti diventava un passaggio a Caccia ….. insomma la porta non la prendevano mai ….. in realtà erano due buoni attaccanti ma assolutamente inadatti ad una piazza come Napoli ….. ricordo invece Beto che secondo me poteva essere un buon prospetto ma non ebbe fortuna

      • Ovviamente era per fare una battuta. In effetti di Caccia ho solo qualche ricordo al Napoli e fra lui Aglietti, Caio, Beto ecc ecc misero a dura prova la mia già incrollabile fede azzurra.
        Lui e Montella sono entrambi di Castello Di Cisterna, quindi molto amici ecco perché si trovava al Milan.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.