Condivisioni 1

Un Napoli dai due volti. Brillante e tonico nel corso del primo tempo, più superficiale nella ripresa quando la Juventus ha accelerato e messo le mani sul risultato. Polemiche arbitrali a parte, perché l’occasione del mancato rigore assegnato a Raul Albiol farà discutere nelle prossime settimane, sopratutto perchè – sul ribaltamento di fronte – la Vecchia Signora ha avuto modo di chiudere la gara dello Stadium. Un 3-1 in grado di scatenare l’ira della società partenopea che, nonostante il silenzio stampa, ha deciso di far intervenire ai microfoni Rai il ds Cristiano Giuntoli e il portiere Pepe Reina. Parole al veleno dei due protagonisti, dettate dalla rabbia e dalle decisioni dell’arbitro Valeri.

Errori e orrori, dunque, allo Stadium. I pasticci della difesa del Napoli sui primi due gol bianconeri sono evidenti. Sul primo, la retroguardia s’é fatta infilare da Paulo Dybala, messo giù in area da Kalidou Koulibaly su azione iniziata da rimessa laterale, col senegalese autore del fallo su Dybala che ha poi spiazzato Reina dal dischetto. Il secondo – ancora più grave – con il portiere spagnolo in uscita che non ha trovato il pallone, Koulibaly di testa ha poi involontariamente servito Gonzalo Higuain che ha potuto siglare il secondo gol dell’ex (dopo quello dello scorso ottobre in campionato) a porta vuota. Un concorso di colpe, tra lo spagnolo e il difensore, che ha indirizzato la gara verso la sponda bianconera. Il tris, come già accennato, è arrivato ancora su rigore per l’intervento di Reina su Cuadrado. Niente da fare per il portiere che ha preso prima la palla e poi travolto il colombiano. Ma nulla è perduto perché, se è vero che il Napoli crede alla rimonta in Champions contro il Real Madrid, non può che fare altrettanto per la semifinale di ritorno di coppa.

Continua però la maledizione dello Stadium per il Napoli, sconfitto sette volte su sette incontri disputati nel fortino juventino. Ma è lecito chiedersi anche il motivo del calo azzurro nella ripresa, mai in gara dopo un bel primo tempo chiuso con la rete del vantaggio siglata da José Callejon. In attesa delle nuove parole, da parte di addetti ai lavori e non solo, sul mancato rigore su Albiol. Una situazione che ha ricordato la vicenda Iuliano-Ronaldo del 1998. Se ancora oggi si parla di quel Juve-Inter, certamente le polemiche per questo Juve-Napoli non si placheranno durante questa giornata.