Condivisioni 2

Per la prima volta in questa stagione, nella notte con la Juventus, il Napoli resta lontano dalle aspettative e gioca molto al di sotto dei suoi limiti: il punto che colpisce è che non riesce ancora ad accettarli questi limiti, a conviverci, a muoversi di conseguenza e a recitare fino in fondo la parte operaia che in qualche modo potrebbe in certe occasioni mantenerlo in pista. Sarri, ieri mattina, nel tradizionale allenamento post-gara del mattino, ha voluto tenere i toni soft, evitando rimproveri o appunti. Lui che non ama le gare infrasettimanali, magari stavolta starà benedicendo la sfida di Rotterdam che consentirà subito di tuffarsi in Europa e di non pensare più alla Juventus. Col dubbio Insigne le cui condizioni verranno verificate nelle prossime ore.

La Juve ha fatto la Juve: catenaccio di qualità e contropiede a tutta velocità. Gioco, partita e incontro in poche mosse. Il gioco di Allegri è minimalista, scarno, asciutto, vagamente corale e mai compiaciuto. Poi c’è dell’altro: c’ è il carattere, la grinta, il realismo, la capacità di stringere i denti. Al Napoli, ha spiegato ancora una volta Sarri ieri, è mancata la grande giocata individuale, liberi tutti dai problemi. Venerdì questa giocata avrebbe dovuto farla Mertens, da un bel po’ di tempo sparito dai radar. La morale è che questo umanissimo Napoli, in attesa di recuperare uomini e forze, sta attraversando un piccolo canyon, esposto alle frecce. È evidente che quando in una maniera o in un’altra gli avversari riescono a schermare Jorginho, il Napoli va in debito di ossigeno. Ed è evidente quando un po’ tutti considerino importante l’italo-brasiliano, tant’è che Allegri ha persino deciso di sacrificare Dybala pur di cancellarlo. Il calendario fino alla fine dell’anno è tutto in discesa, se si fa eccezione per la trasferta di Torino il 16 dicembre. Questo Napoli, nonostante le difficoltà fisiche del momento, può bastare e avanzare quando non ha davanti i pochi squadroni della serie A. De Laurentiis è apparso assai deluso dalla prova di venerdì. Deluso e in silenzio. È stato a lungo con il figlio Eduardo nella stanzetta dello stadio riservata a lui. Senza incontrare nessuno. Anche i silenzio medicano e rafforzano, Ascoltando i balli impazzati dei giocatori bianconeri.

Chi considerate favorito per lo Scudetto?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
Fonte:

il mattino

  • Luis05

    Non vi illudete poi per la CL……..stupidata quella che dice Guardiola o meglio frasi di circostanza…..non se la giocherà mai al 100%…….andrà ad onorare l’impegno senza troppe pretese…………la vincerà solo se lo Shakhtar farà karakiri……..

  • Fra’ Papp0ne© – aka Prudenzio
  • Goldstein

    Anche in altre partite Jorginho è stato marcato a uomo. Il Napoli in qyeste situazioni fa partire il gioco dai due centrali di difesa e da Hamsik.
    Il vero problema è che hanno capito che se ci chiudono le vie centrali, noi andiamo inutilmente sulle fasce, come dimostrano i 31 cross effettuati contro la juve.
    I tiratori da fuori li abbiamo in panchina (Zielinski e Rog), non abbiamo lo spazio per i tagli di Callejon e troppe gambe avversarie per l’uno-due tra gli attaccanti.

    • Luis05

      diciamo che la rube ha giocato a scacchi con noi………..e ci ha fatto scacco matto.

      • Goldstein

        Inter, Chievo e Udinese contro di noi hanno fatto lo stesso

    • condivido se chiudono bene gli spazi e noi non siamo in giornata o capita l’episodio favorevole (vedi udine) oppure facciamo fatica

  • PinuccioAzzurro (anti Pappy)

    Apro il blog e cosa leggo?
    Sarri è diventato il limite del NAPOLI perché prima ha avallato gli acquisti e poi li ha bocciati.
    E meno male che fin dall’inizio ha sempre detto che in base al mercato fatto dalla società lo scudetto è una caxxata.

    AZZURRISSIMO =PERLISSIME😂😂

  • PinuccioAzzurro (anti Pappy)

    Oggi il Napoli sta semplicemente pagando dazio per i soliti limiti non corretti in fase mercato.
    Oggi avevamo almeno bisogno di una vera e forte alternativa a Mertens Insigne e Callejon. Non ci sono è questi sono i risultati.