NAPLES, ITALY - October 5 : Lorenzo Insigne of Napoli celebrates after scoring goal 1-1 during the Serie A match between SSC Napoli and Torino at San Paolo Stadium on October 5 , 2014 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)
Condivisioni 5

Intercettato da alcuni colleghi a Firenze, in direzione Coverciano, Lorenzo Insigne ha rilasciato alcune dichiarazioni. Argomento dominante, il discorso rinnovo. Queste le dichiarazioni riportate da calciomercato.com: “Io penso che il Napoli sia una grande squadra e si è visto perché ce la siamo giocata quasi alla pari con il Real Madrid pero’ per vincere tanti trofei non ci vogliono solo i giocatori, ma anche una grande società”.

“Mi auguro che il Napoli crescerà anche come società, io sto bene al Napoli e sto dando il massimo per questa maglia. Finchè il presidente mi darà l’opportunita’ di fare grandi cose qui io rispondero’ sempre presente”

“Il presidente De Laurentiis sa che la mia priorità è il Napoli, pero’ per ora e’ tutto fermo e io penso solo a giocare, a queste cose pensa il mio agente. Il matrimonio si fa in due, non solo da una parte. Io do sempre la mia disponibilita’ al Napoli, poi il presidente sapete com’è. Aspetto e poi vedremo”.

Fonte:

spazionapoli.it

18 COMMENTI

  1. nelle parole di Insigne ci sono tanti messaggi importanti e credo che abbia parlato in maniera molto matura …. meglio quando parla lui piuttosto che i suoi procuratori …….

    mertens, koulibaly e ghoulam, più la seconda rata di Pipita Pig, potranno finanziare la prossima campagna acquisti, soporattutto se malauguratamente non andassimo in champions ….
    ora dipende da chi compri per sostituirli, andrai finalmente su giocatori che possono farti fare il salto definitivo oppure punterai nuovamente a giovani di talento? penso che la nostra poltica ci porti alla seconda ipotesi, questo comporterà certamente vedere una società sana ed una squadra fresca e frizzante ma mai competitiva fino in fondo, un progetto sempre in itinere dove non ci sia un punto d’arrivo che sia uno ….
    detto questo se questa sarà la scelta societaria spero che gli acquisti, a fronte di quelle cessioni, possano essere

    Conti, Barreca, Kessié, Berardi, Perin e Dolberg

  2. “pero’ per vincere tanti trofei non ci vogliono solo i giocatori, ma anche una grande società”. Probabilmente la prima volta in 5 anni che sono d’accordo con lui

  3. Io, e lo dissi anche lo scorso anno, inizierei a comprare più calciatori italiani… ma non i Giaccherini e i Tonelli che fanno contorno, ma i giovani forti che si stanno mettendo in luce. Sono del parere che smonterei anche la catena spagnola Reina, Albiol, Callejon. Farei carte false per uno fra Berardi e Bernardeschi, per non parlare di Chiesa. Ma temo che al massimo li vedremo nelle strisciate di turno (Juve o Inter). In porta più che Perin che ormai si infortuna troppo, mi butterei sul serio su Meret, questo è forte davvero. Il problema poi sarebbe, continuare a puntare sui giovani per? Vincere? Sicuramente no…

  4. Vorrei tanto sapere chi ha avallato i pacchi Maxsimovic e Pavoletti….Sopratutto il primo….scelte folli….
    Le altre societa’ per evitare pacchi comprano con contratti che prevedono una via di uscita ad esempio il prestito con diritto di riscatto .
    Il Napoli credo sia una delle poche societa’ che opera l’acquisto secco del giocatore ….
    Ma perche’????
    Serve un grande dirigente da affiancare a Giuntoli e che sappia farsi rispettare dal Presidente….
    ma credo sia irrealizzabile…..

    • Seh… è in cantiere una serie di film al riguardo… produzione Filmauro.
      Si comincia con “I soliti sospetti” #ADL

  5. Abbiamo vinto a Roma grazie ad un super Reina.
    Quante volte dobbiamo scrivere che il gioco del Napoli richiede un portiere che sappia giocare benissimo coi piedi?
    Ricordate Franco Mancini, la buonanima? Era per Zeman un titolare fisso e se lo portava un poco ovunque.
    Reina non è mai stato un portento tra i pali, ma è un elemento indispensabile per tutta la linea difensiva del Napoli che sa di avere in lui un grandissimo punto di riferimento.
    Guardate che non giocate a 40 metri dalla propria porta se non sapete di avere uno alle spalle che sa leggere le azioni avversarie e coprirvi.
    E’ inutile fare confronti con Juve e addirittura il Milan di Montella. Buffon ha tre mastini avanti a lui e il portierone della Nazionale ha nei piedi il suo punto debole.
    Montella col Milan gioca di ripartenze. Fa un 4 3 3 del tutto diverso da quello di Sarri e schiaccia la propria squadra quasi nella porta di Donnarumma.
    Reina è il sale per il gioco di Sarri, come lo sono Hysaj e Ghoulam sugli esterni perché dialogano molto bene col pallone nella fase attiva. Quest’ultima segnala il Napoli come una delle squadre col possesso palla migliore d’Europa. Potremmo mai fare la stessa cosa con il buon Maggio? Evidentemente Strinic non da le stesse garanzie dell’algerino.
    Il Napoli gioca in quella maniera è pretende certi uomini in campo. La stessa cosa dovrebbe valere per noi, cioè pretendere un portiere che sappia fare quello che sa fare Reina coi piedi e volerlo invincibile anche tra i pali, significa pagarlo 3 volte in più rispetto quello che tiriamo fuori. Ma forse vedo quelle caratteristiche solo nel portiere del Bayern Monaco e nessuno più.
    Stesso discorso per Hysaj e Ghoulam. Quanto dovrebbero valere?
    Ricordiamoci che siamo il Napoli.

    • Antonio che Reina per il gioco del Napoli sia fondamentale non ci piove, coi piedi non c’è probabilmente nessuno come lui, ma di ruolo fa pur sempre il portiere. Come ho scritto prima al netto di straordinarie prestazioni leggasi Roma o Genoa a Marassi, ha alternato troppe papere, siamo obiettivi. Anche la punizione di El Kaddouri ieri suvvia, la barriera si sarà pure aperta, ma insomma… non mi sembrava imparabile. E solo quest’anno posso contare tranquillamente almeno una decina di errori gravi.

      • Anche gli esterni d’attacco devono fare gli attaccanti e non difendere come fa Callejon?
        Ieri la punizione di ElKa poteva essere presa, ma non doveva mai aprirsi la barriera.

    • E’ un grosso limite…..
      Reina comunque quest’anno non mi e’ piaciuto…….altri portieri lo surclassano sopratutto fra i pali …..
      Se vuoi vincere ci vuole un grande portiere altrimenti teniamoci Reina che secondo me andra’ sempre piu’ a peggiorare…..

      • Quest’anno la media dei tiri subiti è molto alta… lo scorso anno potevamo dare una poltrona a Reina che per partite intere è stato spettatore.
        Vediamo bene, che è altrove il problema.

LASCIA UN COMMENTO