Condivisioni 5
Il settimo scudetto è in bacheca, la Juve punta già il prossimo obiettivo, a detta di Marotta: la Champions 2019. Non è solo questione di fame di vittoria, sono in tante a pensare alla prossima stagione europea in cerca di rivincite, dal Barcellona al City. Perchè di fatto la Champions del prossimo anno è quasi definita.
Delle 32 squadre che giocheranno i gironi, sono certe in 19. Sei usciranno dalle eliminatorie estive, gli altri sette posti si assegnano di qui a pochi giorni. Dal prossimo anno sono premiate le prime quattro nazioni europee (Spagna, Inghilterra, Italia, Germania) con quattro squadre a testa direttamente qualificate. Ad essere già abbastanza chiare sono soprattutto le fasce di merito, con le divisioni delle urne del prossimo sorteggio. In prima ci sono le squadre campioni delle prime sette nazioni Barcellona, City, Juve, Bayern Monaco, Psg, Lokomotiv Mosca (n. 63 del ranking europeo…) e Porto. Più la vincente della finale tra Real Madrid e Liverpool: chi perde va in seconda fascia (tutte e due sono già qualificate dal campionato), gli inglesi rischiano in caso di sconfitta di scivolare in terza.

Nell’urna B, ci sono già Atletico Madrid, Manchester United, Shaktar Donetsk, Tottenham e Napoli. La Roma, qualificata, ha possibilità sempre che il Liverpool non trionfi a Kiev; Di Francesco deve aspettare anche gli esiti del campionato tedesco (Hoffenheim e Lipsia ancora in corsa sono dietro nel ranking) e probabilmente le qualificazioni europee (Benfica e Basilea sono invece avanti). Certe della partecipazione e della terza fascia sono poi lo Schalke 04 (ma sale in seconda se Dortmund e Leverkusen dovessero mancare il posto), Salisburgo, Valencia e Cska Mosca.

Ci sarà di sicuro posto per due francesi tra Marsiglia (se vince l’Europa League, da terza fascia), Monaco e Lione (in corsa per il secondo posto del campionato, ma se il Marsiglia perde con l’Atletico la terza va comunque in Champions): sarebbero tutte più da terza che da seconda fascia. Brugge e Galatasaray sono a un passo dagli scudetti e dal posto Champions, ma rischiano la quarta fascia. Dalla Germania si giocano ancora due posti in quattro (Hoffenheim, Dortmund, Leverkusen, Lipsia): la prima e l’ultima del gruppone sono in quarta fascia. L’ultimo dei 26 posti dal campionato se lo giocano Lazio e Inter nello spareggio di domenica sera all’Olimpico: la squadra di Inzaghi sarebbe in terza fascia, quella di Spalletti in quarta.

Poi, d’estate, si giocheranno i sei posti che rimangono tra grandi, ex grandi, sconosciute: c’è il Benfica, c’è la Dinamo Kiev, c’è l’Ajax, ma anche l’Apoel e gli armeni dello Shirak. La Champions 2018-2019 è già qui.

Sport.ilmattino

LASCIA UN COMMENTO