Condivisioni 10

La redazione di Azzurrissmo.it ha raggiunto telefonicamente Lorenzo Amoruso ex difensore della Fiorentina e dei Rangers, oggi opinionista televisivo e radiofonico.

Napoli e Fiorentina, chi vedi favorita e più motivata?

Dopo le due vittorie nella scorsa giornata, Fiorentina e Napoli arrivano entrambe bene alla sfida di domenica sera al San Paolo. In termini di motivazioni forse il Napoli ne ha di più in quanto la viola deve recuperare ben due punti al Milan che è in vantaggio anche negli scontri diretti. Il Napoli non ha il destino nelle proprie mani ma non ha bisogno di motivazioni di questo genere in quanto ha un proprio modo di fare calcio e non potrà snaturarsi. Indipendentemente dal secondo posto il Napoli può e deve comunque superare dei record ancora in ballo. Sarà comunque una partita spettacolare tra due squadre giocano un bel calcio; vedo favorito in ogni caso il Napoli.

Cosa è mancato a questo Napoli ?

Quest’anno al Napoli è mancata la fase difensiva, anche lo stesso Reina qualche cavolata l’ha fatta. A causa di questo alcune partita non sono andate come Sarri aveva preparato e questo ha compromesso il cammino azzurro. Va comunque ricordato che, nel caso in cui non arriverà il secondo posto,  quello di quest’anno non sarà di certo un passo indietro rispetto alla scorsa stagione visto e considerato il netto percorso di crescita che la squadra di Sarri ha dimostrato di aver intrapreso.

Come interverresti per ridurre il gap con la Juventus?

Ci vogliono due o tre elementi di spessore
soprattutto in fase difensiva dove si sono evidenziate le maggiori lacune. Giocatori come Albiol e Reina stanno finendo il loro ciclo ed è giusto sostituirli con grandi giocatori che danno una maggiore sicurezza rispetto ai vari Tonelli e Maksimovic che non hanno avuto l’impatto sperato e che, forse, saranno venduti nel prossimo mercato. Il gruppo è forte e sa cosa vuole, va solo puntellato nei suoi elementi più deboli.

Il rapporto tra Sarri ed ADL è destinato a finire le breve termine?

Sarri e De Laurentiis sembrano una coppia sposata da cinquant’anni, si beccano perchè si vogliono bene e si stimolano a vicenda. Il rapporto durerà fino a che non arriveranno i risultati adeguati non solo legati ai trofei ma anche al processo di crescita, di cui abbiamo parlato, che deve portare il Napoli ad essere conosciuto ancor di più a livello internazionale così come vuole il presidente.

Fabio Palmiero

 

 

 

  • forzanapoli978 compraci cavani

    #28maggio2017ilgiornodeimiracoli

  • filmauri

    Condivido in toto le osservazioni di Amoruso: buona intervista, redazione.

    • Fabio Palmiero

      ti ringrazio 😀

  • filmauri

    Nessuno lo ha fatto notare – secondo me non a caso, perché certe verità si fa finta di non vederle – ma durante l’intervista a Mediaset a fine gara, Sarri ha ripetuto per filo e per segno le stesse parole che spesso vengono contestate a ADL e concetti che qui vengono ribaditi fino alla noia.
    “Mi è stato chiesto come si migliora questo Napoli. Questo Napoli si migliora solo con dei giocatori che sul mercato costano delle cifre mostruose. Perché sennò SI VA A PRENDERE DEI GIOCATORI CHE NON SIAMO ASSOLUTAMENTE SICURI CHE SIANO PIÙ FORTI DEI NOSTRI. CHE SONO FORTI!”
    Il punto è questo. Lo diciamo anche a chi pensa che Sarri stia friggendo il pesce con l’acqua e che sia costretto, come ha scritto Pinuccio/Partenopeo, a guidare “una 500”. I brocchi non ci giocano, a uno-due tocchi. Per creare quelle geometrie i piedi devi averceli buoni.
    Come dice ADL, “è difficile migliorare questa squadra”. E questo dovrebbe farvi riflettere anche quando la menate sugli ultimi due mercati invernali.
    Figurarsi se trovi profili adeguati nel mercato di riparazione. Che poi siano stati fatti errori è innegabile. Il problema è che lo scorso anno, per stare incollati alla Juve, avremmo dovuto fare il mercato estivo con sei mesi di anticipo. Quasi otto, se pensiamo che le riserve indispensabili di questo Napoli sono arrivate tutte ad agosto, e non a giugno. Quindi anche se fosse arrivato qualcun altro al posto di Grassi, non avrebbe potuto far rifiatare TUTTI quelli che avevano bisogno di ricaricare le pile.
    In quanto a quest’anno, anche stavolta è stata fatta una scelta discutibile.
    Detto questo, grazie alla campagna acquisti estiva abbiamo fatto un girone di ritorno irresistibile, quindi il mercato invernale non avrebbe mai potuto migliorare quello che è stato il nostro miglior scorcio di stagione.
    Quindi datevi pace.

    • AntonioMarano

      Perfetto Mauri.
      Quest’anno è stato fatto comunque un errore e lo abbiamo detto centinaia di volte, cioè quello di partire con un attacco monco questo campionato.
      Hanno rimediato a gennaio, ma non è servito a nulla lo stesso.

      • filmauri

        Hanno rimediato con Mertens. È stato l’unica, vera botta di c*lo della stagione.

        • forzanapoli978 compraci cavani

          Non botta di culo ma genialata di Sarri. Dato che ci pensava già dal ritiro

          • filmauri

            Nessuno, neanche Sarri, poteva prevedere un exploit di questo tipo. E senza l’infortunio di Milik molto difficilmente questa soluzione sarebbe stata provata. E non possiamo sapere se con Milik l’attacco avrebbe avuto la stessa efficacia. Anche se il suo inizio di stagione prometteva bene.

          • forzanapoli978 compraci cavani

            Non era una cosa studiata ovviamente. Però era diciamo un piano di emergenza. L’infortunio di Milik ha pesato eccome, fra lui e Albiol avevamo perso due fattori molto importante. E lì abbiamo perso i punti decisivi

          • filmauri

            Che il Napoli abbia avuto la crisi di ottobre dovuta agli infortuni di Milik e Albiol sono il primo a dirlo. Ma se Milik non si fosse infortunato, è tutto da dimostrare che avremmo mantenuto lo stesso rendimento tenuto con Mertens punta centrale. Ti ricordo che è probabile che lo spostamento al centro di Dries abbia “liberato” psicologicamente anche Insigne, che non aveva disputato un grande inizio di campionato, anzi. Quindi è possibile che dopo il periodo di assestamento, paradossalmente l’infortunio abbia finito per agevolarci costringendo Sarri a ricorrere a un assetto tattico diverso, che gli permettesse di tenere contemporaneamente in campo tutti i suoi migliori elementi.

          • Saxsa79

            Credo ne botta di culo ne genialata di Sarri, ma solo di necessità virtù; perché con l’infortunio di Arek era l’unica soluzione possibile fino a gennaio.
            Poi credo che nessuno pensasse in un dries così neanche nelle più rosee aspettative, poi è quoto mauri; Lorenzo si è finalmente liberato dal dualismo col belga ed ha fatto la sua migliore stagione

    • Tutto giusto ma se il nostro girone di ritorno é irresistibile lo é altrettanto quello di Juve e Roma

      • filmauri

        Mah. Leggermente meno, direi. Alla fine del girone di andata – come puoi vedere – eravamo al 4 posto, a 10 punti dalla Juventus e a tre dalla Roma. E comunque spiegami con quali innesti invernali avremmo potuto fare bottino pieno. Assurdo. Alcuni passi falsi sono fisiologici nell’arco di una stagione.
        È un dato di fatto che è stato il mese di ottobre, il periodo post infortuni, a favorire la fuga di Juve e Roma. Nonostante questo – e due scontri diretti persi proprio dopo aver perso Albiol e Milik – siamo ad appena un punto dalla Roma. E a cinque dalla Juve. https://uploads.disquscdn.com/images/f17316949a169871ff6c156ef0ae541d86a1e3c4606c4543bffcaa51508d47bf.jpg

        • Ma perché vai oltre quello che dico? Mica ho sminuito il cammino del Napoli, dico solo che anche Roma e Juve hanno reso al meglio considerato che hanno conservato le loro posizioni…. mi sembra palese, cio nulla toglie al Napoli

          • filmauri

            Visto che il mio precedente commento faceva riferimento ai riflessi di mercato, ho erroneamente interpretato la risposta in quel contesto.
            Roma e Juve hanno fatto un campionato eccezionale. Poi certo, ci sono stati aiutini strategici strada facendo. Soprattutto alla Roma, devo dire.

          • Il mercato può aggiustare o meno, per l’allenatore che abbiamo credo che il mercato invernale possa considerarsi superfluo visti i tempi d’inserimento, bisogna invece azzeccare il mercato estivo

          • filmauri

            Infatti.
            Visto che in teoria gli innesti da fare sono un paio o tre al massimo, tutti mirati, sarà fondamentale non sbagliarli e non sarà facile per le ragioni spiegate da Sarri.

  • Umberto

    A gennaio qualcuno si può comprare… quest’anno per tappare buchi… poi rivelatisi inutili…. i tappabuchi…
    L’anno passato …pure, e si DOVEVA fare moooolto di più nella qualità.
    La ragione dei numeri oggi … è una ragione monca… nei numeri, quelli più significativi: si chiamano classifica…
    Quelli ricordati da Antonio NON sono numeri ..ultimi…ma penultimi e che non assolvono il Capo.

    Non si sarebbe potuto fare di più… per motivi …esterni…???
    Non importa
    Tu fai quel che devi….

  • Goldstein

    A Bagnoli è stato compiuto uno scempio ambientale inaudito. Ripulirla è quasi impossibile. Come provi a smuovere la sabbia immetti nel mare tanti di quei metalli pesanti da inquinare mezzo golfo.
    Purtroppo resterà così molto a lungo, fino a che non troveranno una tecnologia futura per la bonifica.

    Se non vado errato Grassi è stato pagato 8 milioni ed era considerato uno dei migliori prospetti giovanili italiani.
    Purtroppo Modric e Rakitic preferirono non muoversi dalle proprie squadre, pare per motivi di famiglia..

  • Sessa

    Due anni fa Grassi e Regini:acquistati ed inutilizzati. Quest’anno Tonelli e Maksimovic quasi inutilizzati e poi Pavoletti stessa storia. Milioni di euro buttati al vento…come nelle Aziende di Stato dove i soldi non sono di nessuno. Errori se ne faranno sempre,non mi scandalizzo.

    Ma l’acquisto di Maksimovic,a quel prezzo e dopo averlo seguito per circa due anni,grida ancora vendetta. Basta vederlo durante le fasi di riscaldamento per rendersi conto che poteva andare bene ai tempi di Panzanato… Anche un non addetto ai lavori lo capirebbe. Se è vero che ADL è così oculato nella gestione patrimoniale come si spiegano tutte queste operazioni fallimentari?

    C’è qualcuno a cui chiederne conto??

    • AntonioMarano

      Intanto Maksi e Tonelli ci hanno portato zitti zitti 9 punti.

      • Sessa

        Come non detto: acquisti azzeccati…

        • AntonioMarano

          Sessa, ma non si può parlare di acquisti azzeccati o meno.
          Ne abbiamo parlato tantissimo.
          Il Napoli del DeLa non ha mai avuto 5 centrali di difesa. Quindi qualcosa era stato previsto, come la Coppa d’Africa che ci ha tolto KK per un poco di mesi.
          Tonelli conosce bene Sarri e secondo me non è male. Lo scorso anno qui sopra si lamentavano perché la Roma ce lo aveva soffiato. Ora si parla di pacco. Per me è un buon difensore e molto forte di testa, grande pecca della squadra. Meno con i piedi ma ha un buonissimo anticipo.
          Tonelli è da rimandare sicuramente ma non direi bocciato.
          Maksimovic per me è fortissimo!
          Ha un grande problema: ha giocato sempre a 3 e continua a farlo in Nazionale.
          Dobbiamo dargli del tempo e fortunatamente ha avanti a lui gente che sta garantendo grandi numeri. Che dici possiamo aspettarlo prima di bocciarlo?
          Ti dico un’altra cosa. Sento che il Napoli sta facendo un grande pensiero su Conti e oltre al pensiero anche un grosso investimento.
          Per me Conti è un Maggio di primo pelo. E’ un quinto di centrocampo con difficoltà a vederlo in una difesa a 4.
          Certo, con la cura Sarri potrebbe diventare un ottimo giocatore perché ha dei piedi migliori di Christian, ma bisognerà attenderlo. Anche a lui!!!

          • Sessa

            Tonelli non è sicuramente da bocciare,a me piace perchè ha grinta e carisma quando gioca e lo ha dimostrato. Dico solo che è stato quasi inutilizzato,mi sembra quasi la ripetizione della storia di Donadel.
            Su Maksimovic spero tu abbia ragione,diamogli ancora tempo…
            Per me è solo forte di testa,ma non è acrobatico,come si richiede talvolta in area, nel breve non ha uno scatto bruciante e non è velocissimo nei recuperi. Tutte doti indispensabili nel calcio di oggi. A questo punto ancora più forte di testa era Britos,ma anche lui carente di altre doti indispensabili ad un difensore moderno.
            Su Conti siamo pienamente d’accordo,lo prenderei ad occhi chiusi.

          • AntonioMarano

            Temo che Tonelli sia messo male fisicamente… rumors locali.
            Ti sbagli su Maksimovic, ha proprio nella velocità di recupero la sua dote migliore. Strano per uno molto alto.
            E’ solo un poco pazzo come tutti i serbi e rischia tante giocate. Cosa che a Sarri non piace. Lo deve domare.
            Comunque sono convinto che per Maksi ci sta qualche vincolo che noi non conosciamo sull’acquisto. Vedremo!

    • filmauri

      A Sarri. Ha detto che l’ha chiesto lui.

      • Sessa

        Allora bisogna dire che il Maestro non è infallibile! Vedremo nel tempo…

      • Umberto

        Tra pochi mesi sapremo se l’affermazione è sincera o se dichiarata per almeno verbalmente tutelare le errate scelte di altri….
        Come talvolta fa il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio… per coprire almeno in parte le sciocchezze del Capo del Governo.

        • filmauri

          Mi limito a prendere in considerazione l’eventualità più logica. Comunque sia, trovo davvero poco plausibile che Sarri sia completamente avulso dalle scelte di mercato. Soprattutto dopo due anni. Soprattutto dal momento che il suo calcio prevede certi profili.

    • cieloazzurro

      occhio che tonelli ti ha dato 6 punti.

  • forzanapoli978 compraci cavani

    Napoli 86
    Roma 85
    Juventus 85
    #civogliocredere

    • Saxsa79

      Amen

    • Fioretto se succede mi tatuo la N su una natica

    • Umberto

      Stai formulano un’ipotesi lontanissima anche se i giochi fossero corretti….

      Data la realtà che abbiamo è una previsione impossibile.
      Solo Dio potrebbe rendere possibile …l’impossibile.

    • Prudenzio©-Capo dei DISTURBATI

      Sogno o son Destro? #ADL

  • Marittiello, detto Mary – FNS

    Sarri ha lavorato benissimo sulla rosa a disposizione

    Ha avuto la fortuna di avere un materiale quasi per la totalita’ duttilissimo che seguendone le direttive ha fatto progressi straordinari, e un bel numero di buoni calciatori ha avuto una crescita esponenziale con quasi tutti i ruoli in doppia copertura .

    Fortunatamente solo pochi acquisti negli ultimi due anni sono stati dei pacchi ed i nomi sono quelli gia’ stracitati.

    ADL sara’ in grado di fare meglio e di piu’ ?
    Per me, no
    Ma i suoi superfans dicono che bisogna sapere aspettare….

    Ma facitemme ‘o piacere…

  • Fundador

    Bellissima intervista. Bravo Fabio

  • Umberto

    Il paradosso napoletano nel mondo del football è generato da una duplice vicenda:
    Da un lato NON ha strutture, soldi, potere per essere credibilmente e continuativamente tra i competitors che si giocano le vittorie davvero e fino al termine o quasi….
    e quando accade la favorevole occasione… il Capo si sottrae VOLUTAMENTE alla sola ipotesi di rinforzarsi per provare a sfruttare l’imprevista occasione…

    Dall’altro ha una piazza immensa e per motivi opposti NON adatta a fare la politica dell’Udinese… anzi già a lungo è durata quella dei piccoli passi.

    De La non può ancora fare il salto vero…. e date le SUE premesse…. non si vede ancora il periodo nel quale lo farà…
    L’avviamento commerciale ( preso a gratis con possibili protezioni altrui) cioè l’immenso numero dei tifosi e del seguito … CHE LO PAGA…. quel salto ormai lo esige.
    Sarri ha dichiarato che ora o si fa un passo avanti… oppure lo si farà indietro.

    Il diffuso plauso per il mister è assolutamente meritato, divenuto popolare ben oltre i suoi tifosi, abbraccia ormai un crescente numero di opinionisti ….
    E di questo DELA deve tener conto…

    Molti attribuiscono al carattere del Presidente e forse ad una sua forma di gelosia o invidia gli screzi tra la proprietà ed il suo più importante dipendente… ma costoro, ammesso che davvero afferrino la realtà, non colgono il punto essenziale.
    Il Capo da sempre combatte …con una problematica che -dove più…dove meno…- coinvolge tutti i capi:
    si chiama legittimazione nel ricoprire il proprio ruolo… ovvero l’esistenza vera e quindi diffusissima del consenso popolare spontaneo e disinteressato.

    Già acquistare il titolo un secondo dopo il fallimento e non prima…. attribuisce scarsa legittimazione… ( tutto assolutamente lecito, anzi …benedetto dai crismi legali e giudiziari, quindi legittimo, ma la legittimazione è solo privata …non è LA LEGITTIMAZIONE idonea ad essere la manifestazione del consenso popolare)
    ma poi, questa non ricca popolarità si è aggravata per l’interruzione DA ANNI del suo percorso di crescita, non mi riferisco alla squadra, mi riferisco alla società.

    Per il DELA la sua posizione MAI forte e da tempo ulteriormente decaduta legittimazione nel consenso popolare … lo rende molto debole specie nei riguardi delle figure di riferimento….
    e nei rapporti col mister…di turno:
    NON è un caso se ha DOVUTO letteralmente inseguire prima Mazzarri, poi Benitez e probabilmente in seguito… Sarri.
    Il paradosso che si ripete negli anni ci fa capire la pericolosa consistenza della MANCATA crescita:
    Davanti al pubblico NON è la società …che garantisce l’allenatore….
    È l’allenatore… finché durerà… che diviene garante della società….
    Questa inversione dei ruoli in detta essenziale funzione nelle responsabilità… può andare bene al pubblico…non certo alla proprietà.
    Nondimeno questo è… e bisogna farci i conti.
    La faccenda determina l’evidente forza contrattuale di Sarri, e ieri dei precedenti tecnici.
    Oggi si sta determinando dell’altro che INVOLONTARIAMENTE potrebbe portare a quello scarto in più che potrà FORSE almeno OCCASIONALMENTE determinare vittorie VOLUTAMENTE negateci dal potere fino ad oggi, e dal nostro CAPO almeno fino a luglio scorso compreso.

    La cosa porta ad altro paradosso qualora prossimamente dovessero vincere gli azzurri …ormai …bianco arcuati ( da Madonna dell’Arco) ovvero la stessa squadra che ad oggi è
    L’espressione della grande bellezza, tale considerata da chiunque abbia gli occhi per vedere… di fatto A LIVELLO GLOBALE
    La bellezza che sta affermando l’INUTILITA’ sportiva delle altrui vittorie tanto spesso con mezzucci rubacchiate tramite il potere nelle sue varie forme ( di ruberia…e di comando).

  • Marittiello, detto Mary – FNS

    evvivaADLrevvivaoRE

    FNSempre