Condivisioni 3

E’ una delle squadre che sul mercato si sta muovendo meno, ma in casa Napoli si respira grande ottimismo alla vigilia del debutto stagionale in amichevole (alle 18 contro i dilettanti della Bassa Anaunia) e anche il presidente Aurelio De Laurentiis si dimostra carico a mille: “La parola Scudetto non deve essere più un tabù per il Napoli – ha detto durante un’intervista a ‘Repubblica‘ – E non mi preoccupa che i giocatori ne parlino. Abbiamo tutte le carte in regola per lottare per il primo posto e saremo più competitivi dello scorso anno grazie alla simbiosi tra Sarri e la squadra”.

Prima del campionato, però, ci sarà il preliminare di Champions di agosto (in diretta esclusiva su Premium Sport), che sarà già uno snodo fondamentale della stagione: “Ci aiuterà a riallacciare subito il bel discorso interrotto nel torneo scorso – ha dichiarato AdL – Abbiamo fatto 86 punti: un record che possiamo superare. Sulla carta questo è il mio Napoli più forte, spero lo dimostri sul campo”.

Il numero uno azzurro poi elogia il lavoro di Sarri: “La sua filosofia diverte molto la gente: per questo ce lo invidiano tutti. Ricordo quando perdemmo 4-2 contro il suo Empoli: fu un colpo di fulmine. Da quella sera cominciai a studiarlo e sono fiero di aver puntato su di lui”.

De Laurentiis resta fedele alla sua natura di presidente-innovatore: “La formula delle Coppe andrebbe cambiata. Dovremmo giocare tutti contro tutti, organizzandole come se fossero un campionato. VAR? Non sappiamo se funzionerà. Mi auguro che a decidere sia sempre l’arbitro, altrimenti ci saranno tante di quelle polemiche cheTavecchio dovrà scappare in Australia”.

In conclusione non può mancare una battuta su Gonzalo Higuain, che reclama dal Napoli vecchie pendenze (oggi è previsto l’arbitrato): “De minimis non curat lex (dal latino, letterale: la legge non si occupa di cose piccolissime, ndr)”, prova a glissare De Laurentiis che poi aggiunge: “Higuain ha scelto la Juve, principale rivale del Napoli. I tifosi si sono sentiti traditi e il resto è stata una conseguenza inevitabile”.

Fonte:

sportmediaset.it

  • Umberto

    Grandi acquisti?
    I veri grandi acquisti…?
    I rinnovi
    …e perfino… il ritorno di Milik.
    Il passo in più… ?
    Lo sforzo di chi va oltre…?
    Lo facciamo fare a chi ha maggiore fatturato…

    Detto questo
    la Juve-Fiat senza i regali dello Stato italiano non esisterebbe proprio…
    E senza i regali del Comune di Torino…altro che Santiago… lo stadio col piffero che se lo sarebbero fatti….
    Ricordate l’inaugurazione del Rubentus stadium…?
    Le giraffe al posto delle zebre…

    • PINUCCIO (anti-Pappy)

      I terreno per costruire lo stadio è la parte ECONOMICA più bassa.
      Tra progetto impresa di costruzione materiali permessi vari ecc ecc sai quanto costa?
      MILIONI E MILIONI DI EURO.
      Detto ciò stai sicuro che Dela non lo fa neppure se io gli do’ gratis il terreno di casa mia.

    • Prudenzio©-Capo dei DISTURBATI

      Praticamente anche la j..e ha uno stadio da ventimila posti, tolti gli ”omaggi”.

  • cieloazzurro

    DCosta 7mil a stagione…. a però… nn lo ricordavo cosi forte.. caspita.

  • PINUCCIO (anti-Pappy)

    Mi sto ancora chiedendo come azzo pretende di vincere senza comprare un benemerito azzo.
    Hai più di 300 mil in cassa più gli esuberi da vendere.
    CACC E SORD BUFFON!

  • Prudenzio©-Capo dei DISTURBATI

    Grande Presidente!

  • PINUCCIO (anti-Pappy)

    Dela:
    Ricordo quando perdemmo 4-2 contro il suo Empoli: fu un colpo di fulmine. Da quella sera cominciai a studiarlo e sono fiero di aver puntato su di lui”.

    Infatti prima elemosino’ Benitez affinché rinnovasse, poi si butto’su Michailovic, poi incasso’ il rifiuto di Emery e Spalletti e chissà quanti altri.
    Alle fine dopo tutti questi “pali” penso’:
    ma si mo’ mi butto su Sarri e lo provo con un contratto di 1 anno.
    Eh ma fu amore a prima vista vuoi mettere? 😆😆