A Torino, prima e durante Juventus-Napoli, è successo di tutto. Tutti episodi estremamente deplorevoli, tutti episodi di bieco, vile teppismo. Al di fuori dello Juventus Stadium sono stati selvaggiamente picchiati anziani, donne e bambini napoletani. Gli autori delle aggressioni sono essere miseri, senza neanche un codice d’onore e senza gli attributi. All’interno dell’impianto, poi, si sono levati i soliti cori beoti da parte di gente frustrata e sono stati esposti i soliti striscioni che denotano tra l’altro anche una mancanza di inventiva, di fantasia. Ma da gentaglia mentalmente piatta non ci si poteva aspettare altro.

Purtroppo, tutto quanto è accaduto non è stato poi sanzionato dal giudice sportivo. Nessuno gli ha riferito quanto si è verificato? E perchè? Tosel non ha visto i filmati, non ha udito i cori con schifosi insulti e auspici, non ha visto le foto? Perché solo il San Paolo va sotto la luce dei riflettori? Perché il giudice sportivo ancora una volta non è stato all’altezza del compito? Neanche un’ammenda alla Juventus. Sordo, cieco o altro?

Ho notato che molti quotidiani hanno ignorato le aggressioni ai napoletani. Il Mattino, il Roma e Radio Marte hanno denunciato quanto accaduto. Si sparano titoloni soltanto se certi certi episodi accadono a Napoli? Tosel e alcuni giornali ci confermano ancora una volta che solo i napoletani non possono sbagliare. Non è vittimismo, ma pura constatazione dei fatti e dell’assenteismo di chi è deputato ad intervenire, a decidere. Che vergogna!

P.S. Il Napoli, a Torino, ha perso per suo demerito e per i grandi meriti di una straordinaria Juventus (non solo contro il Napoli). Ciò premesso, va detto che Orsato, giudicato autorevole, preciso, perfetto, ha sbagliato in varie occasioni. Quelle a danno del Napoli: il primo gol della Juventus andava annullato per fuorigioco di rientro di Bonucci (i soliti buoni l’hanno giudicato millimetrico, ma c’era!); in un’azione pericolosa viene fischiato un fuorigioco a Lavezzi: non c’era; l’arbitro non ha mostrato il secondo giallo a Lichtsteiner per evidentissima simulazione: errore grave di Orsato, non di Conte che poco dopo ha intelligentemente sostituito il calciatore.

Vittorio Raio (fonte Radio Marte)