Traiettorie parallele destinate a non incontrarsi mai. Il calcio però, si sa non è una scienza esatta. Hysai e Strinic, sono la destra e la sinistra, il 2 e il 3 di un Napoli che si riscopre improvvisamente, e chissà forse anche un po’ casualmente, bunker impenetrabile agli attacchi avversari. La statistica parla chiaro: con loro due in campo dall’inizio il Napoli ha subito un solo gol nelle ultime quattro uscite. Merito a Sarri perché il lavoro giornaliero a 360°, alla fine, ripaga sempre. Merito anche a loro: Hysaj e Strinic terzini così vicini, nell’interpretazione del ruolo e nelle origini, eppure così lontani, nell’età e nelle prospettive future.

GERARCHIE RISCRITTE. Quelle della fascia sinistra lo sono ormai da un po’ di tempo. Fino a qualche settimana fa, Ghoulam sembrava essere il padrone incontrastato del ruolo. Poi le beghe per un rinnovo che stenta ad arrivare, e che probabilmente non arriverà – finiscono per offuscare i pensieri e quindi rallentare la corsa dell’algerino. La presenza di Strinic sull’out mancino inizia così a diventare sempre più ingombrante con Sarri che decide di affidarsi, dalla partita con la Juventus in campionato, al croato, alla sua linearità e al suo pragmatismo. Caratteristiche che sono servite a riequilibrare una squadra votata per natura all’attacco.

INSUPERABILE. Da Empoli a Napoli, da sinistra a destra. Elseid Hysaj, 24 anni da Scutari, è stato l’unico a seguire Maurizio Sarri nel salto da una piccola ad una grande. Quest’anno, la Champions ha messo un po’ in crisi la resistenza fisica dell’albanese che resta però tra i difensori più insuperabili del campionato nell’uno contro uno. E chissà forse anche in Europa vista la clausola rescissoria valida solo per l’estero inserita dal Napoli nel suo contratto per un valore di 50 milioni di euro. Con Callejon ed il ritrovato Allan, forma da quasi due anni, la fascia difensiva di un Napoli che pende spesso a sinistra con gli attacchi in combinazione tra Hamsik e Insigne.

Hysaj e Strinic, il 2 e il 3, per i nostalgici amanti della numerazione tradizionale; difensori aggiunti più che terzini al servizio della Champions. Nella volata con la Roma che conduce alla porta principale della fase a gironi la tanto auspicata e ritrovata solidità difensiva può rappresentare un fattore determinante di successo per una squadra con un potenziale offensivo da 75 gol in campionato.

PREMIO AZZURRISSIMO. Prima fase: scegli i due finalisti | Spunta tre nomi e clicca

  • Mertens (24%, 265 Votes)
  • Insigne (21%, 224 Votes)
  • Hamsik (19%, 207 Votes)
  • Zielinski (11%, 125 Votes)
  • Jorginho (4%, 46 Votes)
  • Callejon (4%, 41 Votes)
  • Koulibaly (3%, 31 Votes)
  • Diawara (2%, 26 Votes)
  • Milik (2%, 26 Votes)
  • Rog (2%, 19 Votes)
  • Pavoletti (1%, 16 Votes)
  • Reina (1%, 13 Votes)
  • Maksimovic (1%, 11 Votes)
  • Allan (1%, 9 Votes)
  • Hysaj (1%, 8 Votes)
  • Giaccherini (1%, 6 Votes)
  • Albiol (1%, 6 Votes)
  • Strinic (0%, 4 Votes)
  • Maggio (0%, 3 Votes)
  • Tonelli (0%, 2 Votes)
  • Chiriches (0%, 1 Votes)
  • Ghoulam (0%, 1 Votes)

Total Voters: 415

Loading ... Loading ...