9 Condivisioni

Rino Gattuso, allenatore del Napoli, ha parlato a Sky dopo la vittoria del Milan. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “Non sto qua a soffermarmi sulla prestazione del singolo. Ci siamo fatti del male da soli. Il responsabile sono io e devo guardare al mio orticello. Quando arriva la partita importante bisogna alzare l’asticella. Sono io che non riesco a far interpretare le partite in un certo modo. Ognuno di noi deve assumersi le prime responsabilita’, io per primo. Bisogna stare sul pezzo. Non bisogna sempre pensare che perdiamo per sfortuna. Ci manca qualcosa, ci manca di arrivare alle partite con l’occhio diverso. Manca la leadership? Sono io il responsabile, le scelte le faccio io. Sto battendo da tanti mesi su quest’aspetto. Ci sta prendere un gol, ma poi vedo atteggiamenti che non mi piacciono. Ci resto male. Ibra? Sembrava una gomitata alla Mike Tyson, ci sono persone al VAR. Serve il coltello tra i denti, a volte non ce l’abbiamo. Ibra sara’ sempre amico mio. Rebic lavora per lui. Sappiamo che Ibra ha queste caratteristiche, e’ piu’ forte adesso che 10 anni fa. Non e’ la piu’ forte, anche noi abbiamo creato tanto. Dobbiamo fare lo step della mentalita’. Bisogna mettersi a disposizione. Tante volte vogliamo fare troppo i professori. Non sempre la tecnica fa la differenza. Koulibaly? Dobbiamo soffermarci e lavorare da squadra, non mi piacciono i ragionamenti da bischero. Il dovere dell’allenatore e’ far crescere i giocatori”.

Gennaro Gattuso ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta contro il Milan. “Il Milan non è stato superiore, abbiamo fatto tutto noi: abbiamo costruito e ci siamo fatti male da soli, i rossoneri non sono stati superiori. Anche sul 2-0 la squadra ha costruito tanto. Rifarei le stesse scelte? Abbiamo sofferto solo nei primi 10 minuti, Politano e Lozano hanno fatto molto bene. Non cambierei nulla perché la partita l’abbiamo fatta, però abbiamo commesso diversi errori che hanno favorito il Milan. Assenza di Osimhen? Victor ci fa giocare in maniera diversa, con lui puoi giocare in verticale ed oggi ci è mancato questo. Nonostante ciò la squadra ha creato e siamo stati ingenui. Questo risultato ci deve far riflettere, dobbiamo crescere ancora a livello mentale. Bisogna giocare sempre con il coltello tra i denti, senza la ricerca di alibi o accusare i compagni. Questa è una mia responsabilità”. Gattuso prosegue: “Risultati sotto le aspettative? Se guardiamo la classifica direi di no. Avrei preferito che il Milan ci avesse preso a pallonate, invece ci manca il veleno perché le occasioni le creiamo ma non sempre le sfruttiamo. Dobbiamo imparare a saper soffrire e quando manca questa componente diventiamo deboli, una cosa che non mi piace per niente. Ibrahimovic? Forse è più forte adesso che quando era più giovane (ride, ndr). Non l’ho incontrato perché quando perdo mi brucia, magari lo chiamerò. Bakayoko? La sua ingenuità è colpa mia, dovevo cambiarlo e non l’ho fatto. Stavo pensando al cambio ma ho tardato, quindi colpa mia”.

Vota i migliori di Napoli-Milan. Spunta 3 nomi e clicca

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.