Condivisioni 3

“Non è più il ragazzino prodigio, piuttosto un calciatore che si sente top e soprattutto vuole stare in una squadra top. Il Napoli lo è? Il nocciolo della questione (o se più ci piace dello sfogo) è tutto qui. L’interrogativo da cui nasce il suo stato d’animo: la frustrazione per i mancati traguardi e per la continua rincorsa alla Juventus, mista all’ambizione (consapevole) di volere e potere guardare più in alto. Alle sue spalle c’è Mino Raiola e il suo entourage, scelta non casuale”.

Corriere del Mezzogiorno

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.