0 Condivisioni

Sembra preistoria, invece si parla di un anno e otto mesi fa: era inizio novembre del 2019 quando il Napoli si ammutinò, sconfessando la decisione della società di mandare la squadra in ritiro. Una ribellione in piena regola che sorprese anche l’allenatore dell’epoca, Carlo Ancelotti, che di lì a breve fu l’unico a pagare con un esonero e il conseguente arrivo di Rino Gattuso sulla panchina azzurra.

Dopo un pari col Salisburgo i giocatori del Napoli si ribellarono

Successo dopo un pari in Champions col Salisburgo, che apriva le porte per la qualificazione agli ottavi ma che non placò l’ira dei giocatori. Nessuno salì sul pullman che avrebbe dovuto riportarli a Castel Volturno. Un vero e proprio schiaffo ad Aurelio De Laurentiis, che aveva invece previsto per la squadra il ritiro punitivo fino a domenica, a prescindere dall’esito dell’attesa sfida internazionale.

Volarono parole grosse, si parlò di forti liti tra Allan e il vicepresidente Edo De Laurentiis, di sfuriate di Insigne. Una vera e propria guerra civile che portò il club a fare causa ai ribelli (prima di una moratoria) e a cambiare allenatore. Oggi, a distanza di tempo, emergono nuovi retroscena. Perché come riportato da Il Mattino è arrivata pochi giorni fa dalla cancelleria del tribunale di Napoli la comunicazione al legale di Hysaj, l’avvocato Fabio Giotti. per la definizione del lodo legato all’ammutinamento. Il Napoli per la questione ammutinamento ha deciso di chiedere la multa per il terzino albanese, da un mese passato alla Lazio dove pure non se la sta vedendo bene. Non sembra, infatti, che il Napoli intenda dare seguito per tutti alla richiesta di costituzione dei collegi. Tant’è che per Di Lorenzo e Mario Rui, anche loro rappresentati dall’avvocato Giotti come Hysaj, non sono arrivate uguali comunicazioni. Dunque, la moratoria che era stata promessa non vale solo per Hysaj. Sport.VIRGILIO

  • 👩‍🦲LA DIFFERENZA. Spalletti molto più sereno di Allegri
    “Se Allegri sembra aver perso la sua proverbiale tranquillità durante i due anni sabbatici, si può dire l’opposto per Luciano da Certaldo: il riposo ha restituito al calcio italiano un uomo più sereno, liberato dalle tossine accumulate in precedenza nella Capitale e a Milano, nella Roma e nell’Inter”. Scrive così del tecnico del Napoli l’edizione odierna di Libero, […]
  • 🤞PRIMO POSTO. I tifosi con il freno a mano tirato
    Napoli ha mille facce: provare a condensarle, prendendo qui e lì, non è un esercizio utile alla città. Sull’edizione odierna della Gazzetta dello Sport si parla del momento vissuto dalla città: “Che si è risvegliata da sola in testa alla classifica, e non è poco perché qui il calcio resta qualcosa di molto importante. Ma nessuno […]
  • 👌CDM. Demme verso il recupero
    Diego Demme potrebbe tornare a disposizione per la sfida alla Fiorentina il 3 ottobre. Lo scrive l’edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno: “Meret è già rientrato in panchina ad Udine, avanza anche il recupero di Demme. Da una settimana Diego realizza quasi tutti gli allenamenti in gruppo, nelle ultime due sedute ha partecipato anche alla partitina. La sensazione […]
  • ✅ MAGIC BOX. Zola: “Questo Napoli è più completo di quello di Sarri”
    Gianfranco Zola intervistato dalla Gazzetta dello Sport.  È l’anno buono per la squadra di Luciano Spalletti? “Non voglio sembrare troppo cauto, bisogna pensare che siamo solo alla quarta giornata, ma il Napoli sta dando segnali di grande forza e qualità. La prova contro l’Udinese è stata impressionante non solo nel risultato, ma anche nella gestione […]
  • 💢 FOCUS. La Gazzetta esalta Spalletti: “Ha creato un collettivo che gioca a memoria”
    Ecco quanto scrive la Gazzetta dello Sport: “Luciano Spalletti sta lavorando a un collettivo che mette insieme la qualità e la fisicità, due elementi che contribuiscono a tenerlo lassù, in vetta alla classifica. Pare che tutto funzioni. Certo le sbavature non mancano, ma non si può pretendere la perfezione. Intanto, però, il Napoli gioca a […]