2 Condivisioni

Sconcerti, il contagio avanza: lo vedi un piano B per il calcio italiano?
“Un Piano B possono essere in play off che ti fanno guadagnare delle date, ma adesso è importante andare avanti. C’è una necessità di fare un programma, ma nessuno sa quanto si possa giocare ancora. Dobbiamo prima capire quando e se ci dovremo fermare”.

E intanto?
“Intanto chiudiamo il girone di andata nel modo più regolare possibile. E poi se si riesce a mantenere una scadenza regolare, anche se saremo in pieno inverno, si potrà vedere se continuare o meno. L’obiettivo sarà quello di rendere accettabile il movimento. La prima cosa da fare è quella di fare nuove regole di comportamento per giocatori e squadra, fin da subito”.

E’ possibile ipotizzare una «bolla» anche in Italia?
“Si può fare per un periodo limitato”.

Ma i giocatori – quando se ne parlò – si erano opposti.
“E hanno anche ragione”.

Mercoledì c’è il verdetto su Juventus-Napoli. Come andrà a finire?
Credo daranno ragione al Napoli, decidendo quindi di giocare la partita. Sarebbe la cosa più giusta. Allora – dieci giorni fa – sembrava una forzatura, adesso no. In realtà il problema è più complesso, ma noi sembra che non ce ne accorgiamo”. 

Cioè?
“Per la regolarità del campionato non puoi nemmeno permettere che il Genoa vada a giocare contro il Verona con la squadra Primavera. Del Genoa, ma anche delle altre piccole squadre, sembra non interessi niente a nessuno. Pensiamo alla rovescia: pensiamo se ci fossero Inter o Juventus con tutti quei positivi. Si fermerebbe tutto. Oggi l’unica cosa positiva, l’unica che che mi sembra porti un buon messaggio alla nazione è che in dieci giorni se ne esce, il tempo di quarantena per i giocatori si è molto ristretto”.

Domenica sera l’Italia ha impattato contro la Polonia: che sensazione hai avuto?
“Ho visto la nazionale vicina ad un limite. Nel momento in cui si è alzata la soglia dell’avversario, non hai più potuto fare il tuo gioco. Se dobbiamo subire gli avversari, allora verrà messo tutto in discussione. Oggi siamo in ritardo rispetto all’élite del calcio europeo, parlo di 5-6 squadre, Spagna, Germania, Francia, la stessa Inghilterra, il Belgio, anche il Portogallo. Se si giocasse oggi l’Europeo saremmo da 5°-6° posto”.

E’ vero che a Mancini manca un centravanti?
“Sì, credo di sì. Manca un certo tipo di 9. Manca Boninsegna, manca Toni. Non parlo nemmeno di Gigi Riva, che scendeva e tirava da lontano, certo andrebbe di lusso. Manca il centravanti da tap-in, da gol sottomisura. Con la Polonia abbiamo continuato a girare intorno all’area, senza mai tirare. Ci sono state due-tre occasioni, ma potenziali, niente di reale e di concreto”.

C’era Chiesa sotto osservazione.
“Chiesa al momento mi sembra un giocatore confuso. Personalmente gli voglio bene, lo dico da fiorentino; sono contento che vada alla Juve perché se c’è una società che lo può disciplinare sia psicologicamente che mentalmente, quella è la Juve”.

Juve che sta ancora aspettando Dybala. Pare abbia una gastroenterite. Si è fermato anche in nazionale.
“Dybala è un’assenza pesante perché Morata è un po’ sperimentale, pur essendo un fior di giocatore. Ma lì davanti io credo che debbano giocare Kulusevski, Dybala e Cristiano Ronaldo, loro tre mi sembrano la soluzione migliore”. Calciomercato.com

  • 💥 SKY. Ugolini: “Gattuso ha chiesto una svolta alla squadra”
    La ricreazione è finita. A comunicarlo alla squadra – a modo suo – nello spogliatoio del San Paolo, è stato Rino Gattuso. Prima ancora di sviluppare il concetto – con altri modi – davanti ai microfoni. La sconfitta con il Milan apre una fase molto delicata della stagione azzurra, che dovrà in tempi brevi prendere […]
  • ✍️ L’ANALISI. TMW: “Il Napoli ha tanti punti di forza ma non ha un vero vice Osimhen”
    Chi vincerà lo Scudetto? Mai come quest’anno, dopo otto giornate, il campionato sembra democratico, con tante squadre che possono ambire ai primissimi posti in classifica. TMW analizza quali possono essere i pro e i contro delle prime otto, divise da sei punti, in un far west che potrebbe finalmente regalare una Serie A vicina a […]
  • ⭕️ SCENARI. Rijeka e Roma, Gattuso spera di recuperare Ospina e Osimhen
    Il Napoli riparte per cercare di scacciare la brutta sconfitta contro il Milan in campionato e pensare all’Europa League. Gattuso spera di poter riavere per giovedì Ospina e Osimhen. Il primo era in panchina ieri sera per scelta precauzionale, ma oggi si è allenato ancora a parte per risolvere i suoi guai fisici. Osimhen invece continua ad avere problemi alla spalla e […]
  • 🏎 PISTA! Pistocchi: “Koulibaly senza Albiol ha perso una guida, Napoli poco attento”
    A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Maurizio Pistocchi, giornalista. “Napoli? Prestazione non è stata un granché, specie nei particolari. Il Napoli ha dominato con il possesso, ha fatto una buona partita nella completezza contro il Milan che si è difeso molto basso. Però ci sono state troppe imprecisioni, Koulibaly […]
  • 🟢 IL PUNTO. Zazzaroni: “Napoli discontinuo, il miglior Insigne è rimasto a Sarajevo”
    Ecco quanto scrive il direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni nel suo editoriale del lunedì: «La personalità è quella cosa che se ce l’hai si vede e se non ce l’hai si vede di più. L’ho trovata sui social, deve averla scritta Ibrahimovic che anche prima di Napoli-Milan, giocando con il suo personaggio, aveva promesso di […]

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.