1 Condivisioni

Se fossero stati ancora compagni di squadra, Gennaro Gattuso avrebbe restituito a Zlatan Ibrahimovic il regalo che l’attaccante svedese ha donato a molti giocatori rossoneri a Milanello giovedì sera, l’introvabile PlayStation 5, la nuova console che un grande amante di videogiochi come lo svedese non si è fatto sfuggire, consegnandola anche ai suoi più giovani eredi, facendo impazzire d’invidia milioni di appassionati che nonerano riusciti a prenotarla online. A Gattuso, un regalo del genere non avrebbe potuto farlo. A Ringhio, semmai, Ibra avrebbe dovuto donare qualche pesce di quelli che ogni tanto tira su con la sua canna nelle acque svedesi, come quando nell’aprile scorso, durante il lockdown italiano, l’attaccante si recò in patria per allenarsi con l’Hammarby e dare sfogo ai suoi hobby come la caccia, il paddle e appunto la pesca. Un paio di lucci magari, anziché la PlayStation, da vendere o cucinare nella pescheria di Gallarate di cui Gattuso è proprietario da anni. Di sicuro, se fossero ancora insieme, Ibra e Gattuso sarebbero ancora uno di fianco all’altro. Litigherebbero, come dieci anni fa nello spogliatoio rossonero, ma, come ha più volte ricordato lo svedese, “andrebbero in guerra insieme”.

Ibra con Ancelotti

Perché Ibra è sempre stato così con chi, nello spogliatoio, gli ha saputo tenere testa. Ibra ha avuto e ha tuttora grande stima non solo per i giocatori che con i piedi sanno parlare la sua lingua – pochi, a dire il vero -, ma soprattutto per quelli con il carattere come il suo. Quelli che prima di mollare un pallone, una partita, lasciano l’anima e il corpo sul campo. E Gattuso, con tutti i difetti tecnici che aveva, era il compagno ideale di un mostro di mentalità come Ibra. E Ringhio stesso, sapendo questo, Zlatan lo avrebbe accolto più che volentieri nel Milan che allenava nella stagione ’18-19: già in quell’inverno Maldini, allora braccio destro di Leonardo, aveva provato a sondare il terreno per riportarlo a Milanello. Con lui la corsa al quarto posto, sfiorato a fine stagione (il Milan finì quinto a meno uno dall’Inter), probabilmente sarebbe andata diversamente: “Se Ibra può tornare al Milan? Zlatan è un amico – disse Gattuso –, io però devo pensare soltanto ai miei giocatori e a quelli che ho a disposizione. Comunque Ibra a 37 anni sa fare ancora gol e gli auguro il meglio”.

  • 🟢 IL PUNTO. Zazzaroni: “Napoli discontinuo, il miglior Insigne è rimasto a Sarajevo”
    Ecco quanto scrive il direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni nel suo editoriale del lunedì: «La personalità è quella cosa che se ce l’hai si vede e se non ce l’hai si vede di più. L’ho trovata sui social, deve averla scritta Ibrahimovic che anche prima di Napoli-Milan, giocando con il suo personaggio, aveva promesso di […]
  • 👎 IL FLOP. Fabian Ruiz bocciato dalla critica
    Nuova sconfitta in campionato del Napoli, la prestazione degli azzurri contro il Milan ha notevolmente preoccupato Gennaro Gattuso. Tra i peggiori in campo vi è stato Fabian Ruiz. Voti molto bassi da parte dei quotidiani nazionali per il talentuoso centrocampista spagnolo. AreaNapoli  Gazzetta dello Sport 5: “Sembra un lontano parente di quello ammirato con la Spagna. Perde troppi […]
  • 😔 L’ANALISI. Gazzetta: “Ibrahimovic mette Gattuso nel cestino”
    Ecco quanto scrive la Gazzetta dello Sport: “Ibrahimovic lo ha rifatto: ha preso l’amico Gattuso, lo ha ribaltato e lo ha messo in un cestino. Come in quell’epico sketch a Milanello. Il Napoli è stato a lungo all’altezza del Milan, ma oltre agli errori di mira, ha pagato, per una volta, la latitanza del suo totem, […]
  • 🤬 L’ARBITRO. Valeri ha perso il controllo dei cartellini
    “In una partita tutt’altro che semplice Valeri perde il controllo dei cartellini”. Questa l’analisi de La Gazzetta dello Sport sulla direzione di Valeri al San Paolo. Arbitro bocciato: “Al 16’ il giallo a Bakayoko sembra affrettato, il fischietto vuole punire più la pericolosità che la dinamica.  Al 51’ vero e proprio blackout: a poca distanza non fischia neanche per la […]
  • ⬇️ LA STRONCATURA. La pagella di Chiariello: “Koulibaly merita quattro”
    Brutta sconfitta interna del Napoli contro il Milan. I partenopei vedono ora allontanarsi le primissime posizioni della classifica. I rossoneri tornano in testa. Umberto Chiariello ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso della trasmissione Campania Sport, su Canale 21 assegnando i suoi voti ai calciatori: “Solo cinque per Meret. Sbaglia un passaggio che poteva costare caro agli azzurri. Ha delle responsabilità sulla terza rete. La difesa del […]
Fonte:

Tuttosport

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.