6 Condivisioni

Maurizio De Giovanni, scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e tifoso decisamente appassionato del Napoli, sintetizza così il caos tinto d’azzurro.

«Sta succedendo una cosa mai vista prima. Neanche nell’88, con il famoso comunicato della squadra contro Bianchi».

Conseguenze? «Devastanti. E la cosa più grave è che la gente è avvilita. Delusa dai risultati, perché siamo già fuori dalla lotta scudetto, e preoccupata per il futuro. Anzi: il futuro non c’è». 

QUANTI ERRORI

E allora, la disanima della penna eccellente. E non è mica un romanzo quello che De Giovanni, sessantunenne autore napoletano di numerosi bestseller, mette nero su bianco analizzando il caso-Napoli. «Ci troviamo al cospetto di una prova di forza a tre dall’esito devastante. E qualsiasi cosa accadrà sarà fortemente delegittimante». Con ordine:

Risultato: «Tutti sconfessano se stessi».

DEBACLE COSTANTE.

Il secondo capitolo firmato De Giovanni, poi, evidenzia i dati tecnici. «Squadra, allenatore e società sono protagonisti di una debacle costante che si finge di non vedere: se il campionato finisse oggi, il Napoli non andrebbe neanche in Europa League!».

Gli azzurri sono settimi con 18 punti, a 3 passi dalla zona Europa. «E a 11 punti dalla Juve, dalla vetta: già fuori dalla lotta scudetto, discorso chiuso. Eppure due mesi fa presidente, tecnico e capitano dicevano di voler vincere il campionato. Qualcuno ha detto sciocchezze ai tifosi: non siamo attrezzati per competere a questi livelli».

E ancora: «La gente non è scandalizzata dalla contravvenzione etica, ma è avvilita e preoccupata per un futuro che non c’è. Che squadra andrà avanti ora? E chi punterebbe un centesimo sulla permanenza di Ancelotti il prossimo anno?».  

SQUADRA FANTASMA

A proposito di Carletto. «Sembra di rivivere la vicenda Benitez, con la variante che Rafa ha portato Higuain, Callejon, Koulibaly, Mertens, Albiol e Reina. Per il momento abbiamo visto quindici formazioni e quattro moduli diversi: mercato incompleto, altro che 10 e lode. La squadra è il fantasma di se stessa: cinque giocatori fuori ruolo e la mancanza di una prima punta degna di questo nome, di un esterno sinistro, un trequartista per il 4-2-3-1 e un regista per il 4-3-3. Vedo cose inaudite e nessuna invenzione tattica: Fonseca a Roma, per esempio, ha piazzato Mancini davanti alla difesa».

Responsabilità e soluzioni? «Tutti colpevoli di questa situazione, al trentatré percento: società, tecnico e giocatori. Se fossi De Laurentiis convocherei subito Ancelotti e i rappresentanti della squadra per un confronto costruttivo. Per ricompattare e terminare la stagione nel migliore dei modi, in nome del bene comune. Ma serve una decisione collegiale, non unilaterale». ILNAPOLIONLINE 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.