0 Condivisioni

Dopo la più bizzarra delle vittorie il Napoli raggiunge la Juve al quarto posto di un campionato ormai sottosopra. Ma va carico di dubbi alla partita dell’anno. Conosce ancora meglio la sua capacità offensiva: 62 gol in 28 partite, media 2,21, terzo attacco dopo Atalanta (68) e Inter (65) con il pregio di non essere condizionato dalle lune di un solo bomber. Il suo collettivo avanza con la sontuosa inventiva di Insigne e Mertens, la frenesia di Politano o la velocità di Osimhen e Lozano. Ma lo stesso Napoli, lanciato verso lo scontro che può valere la qualificazione Champions, è turbato da troppi rimorsi in difesa. Li supera se si rivolge due domande: la prima, possibile che la sola assenza di Koulibaly crei tanto scompiglio? La seconda: sul 3-1 non poteva inventare nulla per evitare la risalita del Crotone?

Tra i minuti 48 e 59 senza cercare correttivi si è lasciato andare in una sbandata da brividi.

Gli errori più gravi sono di Manolas e Maksimovic. Il difensore greco, davvero modesto quest’anno, con un goffo rinvio in area serve Benali che a sua volta manda Simy a segnare il gol del 2-1. Nella ripresa poi il Crotone tocca il cielo di Fuorigrotta con il gol di Messias che scippa la palla a Maksimovic, come assorto in un brutto sogno. Non sono disguidi. Ma il limite di una squadra: due guai combinati da maturi trentenni costati 35 e 25 milioni, totale 60. C’è ancora chi pensa che il Napoli spenda poco al mercato. Delle due l’una: investe male o non sa tenere alta la tensione della difesa in attimi ordinari della gara. Agli errori non rimedia il gelido Meret. Recita la noia della resa, perché si sente l’eterno secondo di Ospina?

Gattuso ha coraggio nel preparare la partita. Assente dall’inizio Zielinski, conferma il 4-2-3-1: Osimhen prima punta, con la scorta di Politano, Mertens e Insigne. Una valanga si abbatte sul Crotone, lo schiaccia sulla destra dove corre su e giù

Di Lorenzo, uno dei migliori, un po’ meno sulla sinistra con Mario Rui. Se si osserva la squadra sul campo, il Napoli attacca con uno spregiudicato 4-2-4, a tratti persino 2-4-4. Nel primo tempo il 3-1 premia la pressione del Napoli, la versatilità di Insigne che si rende immarcabile, la mobilità creativa di Mertens. Ma proprio Mertens nella ripresa in un lodevole contributo difensivo fa scattare il segnale dell’emergenza. Simy con i suoi quasi due metri è sempre in agguato, Junior Messias è con il suo fine sinistro sulla fascia destra traccia taglienti conversioni. Una spina per Mario Rui. Sale di tono Benali. Luperto limita Politano, che esce con Bakayoko. Ma li sostituiscono Lozano ed Elmas. Il Napoli rimane senza incontristi, prosegue l’assetto che dopo un’ora si rivela fragile, il Crotone deborda e pareggia. Quel 3-1 chiede una variante tattica, va protetto magari con un difensore in più, Hysaj, in linea con Manolas e Maksimovic. E due esterni con vocazione offensiva e capacità difensiva come Mario Rui e Di Lorenzo. Non è letta bene la partita, squadra allo sbando per 11 minuti, manca il doppio giro di vite in difesa. L’idea di una variante tattica con linea a tre, un difensore in più per un pacchetto a 5, vale per il futuro. Se Gattuso non la getta nel cestino. Antonio Corbo per Repubblica

Vota i migliori di Napoli-Crotone. Spunta 3 nomi e clicca

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
  • 😯L’IPOTESI. Libero: “Gattuso potrebbe portare Giuntoli alla Fiorentina”
    Napoli sarà uno snodo cruciale nel valzer delle panchine che potrebbe scatenarsi la prossima estate, stando a quanto riportato da Libero. Il quotidiano fa sapere che l’addio Di Rino Gattuso darà il la ad una girandola di allenatori. Il suo futuro potrebbe essere alla Fiorentina, il club che più lo sta corteggiando. E a Firenze – si legge […]
  • ❗BUFERA SERIE A. Anche il Napoli chiede le dimissioni di Dal Pino
     Sport E’ bufera in Serie A, almeno dal punto di vista istituzionale. A scriverlo è Il Sole 24 Ore, secondo cui è partita una richiesta formale di dimissioni nei confronti del presidente della Lega Paolo Dal Pino, oltre ad una denuncia per cattiva gestione. Una mozione di sfiducia dovuta al comportamento nella gestione dei diritti tv e dei […]
  • 🏟 IL TOTO MISTER. La Gazzetta convinta: “De Laurentiis vuole Juric, in alternativa Italiano e De Zerbi”
    Andrà via, Rino Gattuso, a fine campionato. E la sua parentesi napoletana andrà a riempire altre pagine del capitolo “allenatore”, che racconta dei rapporti passati tra Aurelio De Laurentiis e i vari tecnici che si sono susseguiti in panchina nei suoi quasi 17 ani di presidenza. Momenti di forte passione, superati poi dagli epiloghi delle […]
  • 💣 LA BOMBA. Il Corriere dello Sport: “Il Napoli tratta Lamela e De Paul” 📺 VIDEO
    La prospettiva nasce in piena primavera: Erik Lamela è vicinissimo al ritorno in Italia. Il suo entourage ha già trattato con il Milan e negli ultimi giorni ha avuto contatti molto intensi con il Napoli, che a questo punto è la squadra favorita per riportarlo in Serie A dopo 8 anni altalenanti in Premier League. La continuità, invece, è […]
  • 😧 L’ESPERTO. L’agente Satin: “Osimhen pagato troppo, bravo ma non è un numero 9 puro”
    A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Bruno Satin, agente. “PSG vince la Champions? Ha passato il turno, ora però ci sono semifinali e poi forse la fine. E’ difficile ma vedremo. Moueffek? Profilo di un giovane che sicuramente ha certe qualità, ha fatto ancora poche […]

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.