13 Condivisioni

Ecco quanto ha dichiarato Ancelotti ai microfoni di Tv Luna.

Sente la responsabilità per il gran numero di tifosi? “E’ una grande responsabilità, ma anche una grande motivazione. C’è molta gente che fa tanti sacrifici per seguire il Napoli e questo dà energia a tutta la squadra”.

Come alimentare l’entusiasmo? “L’entusiasmo si alimenta col comportamento della squadra, il tifoso nota soprattutto che i giocatori danno tutto per la maglia. In questo gioco il senso di appartenenza è una componente fondamentale, tante squadre vincenti hanno tanti giocatori del posto. I tifosi vogliono vedere una squadra che lotta fino all’ultimo, è più legato a questo che alla qualità”. 

Senso di appartenenza anche tra i non napoletani? “Alcuni giocatori sono diventati tra i migliori d’Europa tramite il Napoli, come Koulibaly, Allan, Zielinski e Mertens che qui ha trovato la sua felicità. Questi giocatori sono molto legati a questa maglia perchè sono cresciuti, oltre a Lorenzo che è napoletano e credo sia quello che ci tenga di più”. 

Il mio ruolo nel Napoli? “Io posso aiutare il Napoli e il Napoli può aiutare me. Dobbiamo essere uniti come società, squadra e tifoseria, questa è la chiave per il successo. Mi sento molto tifoso del Napoli anche se per un allenatore è difficile dirlo. Mi trovo bene a Napoli, mi sono legato molto al Napoli”.

Scintilla d’amore col Napoli? “E’ scoccata appena ho firmato. L’anno scorso mi ha aiutato a conoscere meglio l’ambiente, la città e la squadra. È un contesto in cui mi trovo molto bene, riesco ad esprimere il meglio di me stesso”. 

Domanda di un tifoso: come si ricambia l’amore del pubblico? “Con l’impegno che ci mettiamo tutti i giorni e con gli allenamenti con la gente. Non abbiamo segreti da nascondere e ci alleniamo e ci divertiamo con la gente, anche se siamo qui per lavorare”. 

Allenamenti a porte aperte al San Paolo durante il campionato, o incontri con i tifosi durante la stagione? “Stiamo valutando la possibilità di allenarci a porte aperte qualche volta al San Paolo perchè a Castel Volturno è impossibile per motivi di sicurezza. Nel calcio è già stato tutto scoperto, non ci sono segreti”. 

Lo staff? “Abbiamo uno staff di grande livello, la società sta lavorando molto bene sul mercato. Abbiamo un grande staff medico e uno staff tecnico giovane e preparato. Ci sono tutte le condizioni per fare bene”.

Tempi maturi per un trofeo? “Penso di sì, c’è grande motivazione da parte di tutti. La vittoria non deve essere un’ossessione, ma un grande sogno che cerchiamo di realizzare tutti insieme”.  Napolimagazine

Intervistato da Tv Luna, Carlo Ancelotti è entrato anche nel merito delle trattative di mercato

Sui ruoli da rinforzare: “La rosa è molto completa, la rosa è migliorata già l’anno scorso con Meret, Fabian, Verdi. Dobbiamo fare un passo alla volta. Siamo ai vertici, è arrivato Manolas, uno dei migliori centrali. Capisco che tutti sono eccitati per il grande nome. Ma dobbiamo essere focalizzati sul giocatore che migliora la squadra. I nomi che avete fatto sono veri, ci stiamo pensando. Pépé? Tra questi possiamo aggiungere anche Pepè. Nomi segreti? Il Napoli può arrivare a qualsiasi giocatore, poi non dipende da noi, ma dipende da tanti fattori. La volontà del giocatore, delle società, niente è impossibile. Ripeto: il 31 agosto saremo tutti contenti”. 

Un nome per riaccendere l’entusiasmo? Come si batte la Juve? “Bisogna migliorare la qualità della rosa, ma non serve un nome per scaldare la piazza. La piazza si deve scaldare quando vede un gioco di qualità, meglio dell’anno scorso e con motivazioni. Ho già detto che il 31 agosto saremo tutti contenti, tutti…” 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.