1 Condivisioni

Antonello Perillo, Direttore TG Regione Campania, ha rilasciato alcune dichiarazioni durante la trasmissione sportiva Radio Goal su Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “È un sogno pensare al campionato, alla Champions League. Il calcio in questo momento è virtuale. Fate delle videochiamate con gli amici, vedete vecchie partite, giocate, chattate. Ci sono ancora troppi napoletani per strada. Ci possono essere dei contatti che farebbero aumentare i contagi. Se è possibile restate a casa, non uscite. Le immagini di questi italiani chiusi in casa come se fossero gabbie hanno fatto il giro del mondo. Il 3 maggio si può ipotizzare un ritorno delle squadre in campo ma la certezza non ce la dà nessuno. Quello che sta accadendo in Italia adesso sta iniziando ad accadere anche nelle altre Nazioni. Magari a maggio noi ne saremo usciti ma i casi potrebbero essere tanti in altre Nazioni, quindi il discorso delle coppe europee è molto più complicato rispetto al campionato italiano. Il Papa ha preso una decisione unica: la messa di Pasqua sarà fatta in videoconferenza. Gli Europei di calcio sono stati rinviati, così come il Giro d’Italia. Le Olimpiadi sono a rischio. I tempi si allungheranno, il 3 aprile non torneremo alla normalità. Io temo molto per i club e i calciatori delle serie minori. Lì il discorso delle partite a porte chiuse sarà ancora più drammatico. I grossi club di Serie A e Serie B avranno qualche perdita, le realtà più piccole rischiano di scomparire. Ci sono calciatori che vivono con quello stipendio. Tagliare lo stipendio dei calciatori di Serie A servirebbe a salvaguardare anche i colleghi delle serie minori, se destinati ad una cassa comune”.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.