21 Condivisioni

Il segnale è arrivato, forte ed ineludibile: James Rodriguez non convocato per il match di questa sera tra il suo Real e la Roma. Non sarà in Italia: almeno per il momento. Ed era il segnale che il Napoli aspettava, che Mendes attendeva: il punto di non ritorno per iniziare una nuova trattativa, per spingere ancor di più nel pressing, per cercare di completare quella moral suasion con Ancelotti pronto ancora ad avere un ruolo da protagonista. Ad una settimana dall’esordio in Liga con il Celta, con le voci su Neymar e su altri potenziali acquisti ad agitare ulteriormente le acque, il Real deve risolvere tutto ed in fretta, anche per evitare problemi di fair play e situazioni, come la compilazione delle liste Champions, che possono minare i già delicati equilibri di spogliatoio. 

James Rodriguez

Il Napoli continuerà a manifestare il suo piano: prendere James in prestito con un obbligo di riscatto legato al numero di presenze per poi acquistare il calciatore il prossimo anno ad un prezzo non troppo alto, anche perché mancherà un anno alla scadenza del contratto tra James ed il Real. Mendes sta spingendo per questa soluzione, anche perché, al momento, non ci sono intavolate trattative per il rinnovo e le esclusioni di Zidane continuano a far rumore. Esclusioni che non favoriscono, tra l’altro, neppure una posizione, come quella di Florentino Perez che vorrebbe cedere il calciatore a cifre importanti: tra qualche giorno potrebbe esser costretto ad ascoltare offerte anche da 35 milioni: in tal senso, resta da capire se De Laurentiis vorrà strappare al protocollo già stampato sul suo fascicolo per James. Calciomercato.com

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.