Condivisioni 2
Rispetto alla sosta precedente, quando gli azzurri uscirono sconfitti da Marassi prima del riposo per le nazionali, il Napoli ha chiuso in bellezza. Battuto il Sassuolo ci sarà dunque tempo e modo per Ancelotti di valutare le condizioni degli infortunati ed i loro tempi di recupero perché se fin qui Carletto ha impiegato ben ventuno calciatori, e tutti almeno una volta dal primo minuto, è legittimo attendersi che presto nelle rotazioni entreranno anche coloro che sin qui sono rimasti ai box.

triplo recupero — È il caso innanzitutto di Alex Meret, che si è infortunato il primo giorno di ritiro – dunque l’11 luglio – e a distanza di tre mesi sta riprendendo a tratti ad allenarsi in gruppo: “Per quel poco che ci ha fatto vedere, è un talento – ha sentenziato Ancelotti – e dunque lo aspettiamo fiduciosi che possa rientrare presto”. L’ex di Udinese e Spal è dunque in rampa di lancio mentre servirà maggiore cautela per Younes e Ghoulam, non tanto per le loro condizioni attuali ma per il lungo periodo di inattività. Nel 2018, infatti, Younes ha giocato pochissimo con l’Ajax per problemi di varia natura e poi si è rotto il tendine di Achille prima ancora di iniziare la stagione in corso. Ghoulam, addirittura, manca da quasi un anno dalle competizioni ufficiali visto che si è rotto prima il legamento crociato e poi la rotula del ginocchio. Entrambi sono clinicamente ok ma va migliorato lo stato di forma e ripreso il ritmo partita. Ancora in fase di riabilitazione, invece, Chiriches che è incappato anche lui in una rottura dei crociati durante la sosta precedente mentre era impegnato con la Romania. Gazzetta

Vota i migliori di Napoli-Sassuolo

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...

LASCIA UN COMMENTO