1 Condivisioni

 “Entrai in campo a un quarto d’ora dalla fine, accolto dai fischi dei tanti napoletani che erano allo stadio, e quando mancavano due minuti al 90′ segnai la rete della vittoria della Juve, 2-1, e diventai ‘core ‘ngrato'”. Josè Altafini ricorda così quella domenica di 46 anni fa, era il 6 aprile del 1975, quando il suo gol dell’ex, in maglia bianconera, spezzò il sogno tricolore del Napoli ‘all’olandese’ allenato da Vinicio e lo scudetto finì ancora nella mani della Vecchia Signora. Juventus-Napoli per Altafini non potrà mai essere una partita qualsiasi, lui che al suo primo campionato in bianconero, 1972-’73, segnò tre gol in più di Pietro Anastasi al quale faceva da riserva, con un contratto ‘a gettone’, poi riconfermato, e un pezzo di cuore lasciato proprio sul Golfo che non puoi non amare . 
    Ma il tempo scorre e il 7 aprile, 46 anni e un giorno dopo, è tempo di altro Juventus-Napoli: come si fa a non ricordare? “Infatti è così – dice Altafini -, ci penso, ma questa partita non è come quella di 46 anni fa, perché noi quel giorno ci giocavamo lo scudetto. La sfida di mercoledì, il recupero del match non giocato a inizio stagione, mette invece in palio solo un posto in Champions. Penso che la Juve, dopo nove scudetti di fila, abbia perso la ‘fame’ che aveva, in fondo è anche normale, e poi, anche se ha un asso come De Ligt, la sua difesa non è più la stessa. Contro questo Napoli dovranno stare attenti”. Ma cos’ha il reparto arretrato della Juve che non convince Altafini? “Per me Bonucci e Chiellini non sono più come una volta – risponde Altafini -, quando erano veramente un punto di forza della squadra”. “E anche Cristiano Ronaldo – aggiunge il campione del mondo del 1958 – , anche se segna ancora tanto a me non sembra più lo stesso, quando era un genio del calcio”. 
    Quindi il duello di mercoledì lo può vincere l’altro campione del mondo 2006, Rino Gattuso? “Lui mi piace, come allenatore è uno serio – dice Altafini -. E ho notato che tanti giocatori del Napoli lottano per lui, e questo è bello. E poi nel Napoli c’è Mertens, un calciatore speciale”. (ANSA).

  • 🏟 IL TOTO MISTER. La Gazzetta convinta: “De Laurentiis vuole Juric, in alternativa Italiano e De Zerbi”
    Andrà via, Rino Gattuso, a fine campionato. E la sua parentesi napoletana andrà a riempire altre pagine del capitolo “allenatore”, che racconta dei rapporti passati tra Aurelio De Laurentiis e i vari tecnici che si sono susseguiti in panchina nei suoi quasi 17 ani di presidenza. Momenti di forte passione, superati poi dagli epiloghi delle […]
  • 💣 LA BOMBA. Il Corriere dello Sport: “Il Napoli tratta Lamela e De Paul” 📺 VIDEO
    La prospettiva nasce in piena primavera: Erik Lamela è vicinissimo al ritorno in Italia. Il suo entourage ha già trattato con il Milan e negli ultimi giorni ha avuto contatti molto intensi con il Napoli, che a questo punto è la squadra favorita per riportarlo in Serie A dopo 8 anni altalenanti in Premier League. La continuità, invece, è […]
  • 😧 L’ESPERTO. L’agente Satin: “Osimhen pagato troppo, bravo ma non è un numero 9 puro”
    A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Bruno Satin, agente. “PSG vince la Champions? Ha passato il turno, ora però ci sono semifinali e poi forse la fine. E’ difficile ma vedremo. Moueffek? Profilo di un giovane che sicuramente ha certe qualità, ha fatto ancora poche […]
  • 🔵 L’OPINIONE. Perillo: “Se Zielinski sta bene, tocca a Osimhen in attacco con Mertens in panchina”
    A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Antonello Perillo, giornalista.”Napoli-Inter è una supersfida, io sono moderatamente ottimista. L’Inter è spietata, la classica squadra di Conte, mette l’anima su ogni pallone e ha una classifica veramente importante. Magari si può permettere addirittura un passo falso. Il Napoli stesso è in gran […]
  • 😧 OUT. Ospina salta l’Inter: distrazione al bicipite femorale sinistro
    Nuovo stop per Dasvid Ospina. Il portiere del Napoli ha infatti riportato una distrazione di I Grado del bicipite femorale sinistro. E’ questo il risultato dell’esame al quale è stato sottoposto oggi il portiere colombiano, in seguito al risentimento muscolare accusato nella sfida di domenica contro la Sampdoria. Ospina salterà quindi la partita contro l’Inter. Il […]

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.