5 Condivisioni

Nelle aree interessate dall’emergenza Coronavirus le partite si disputeranno a porte chiuseLo ha detto il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora ai microfoni del Tg2 al termine del consiglio dei ministri. “Sono già in vigore provvedimenti che vietano gli eventi fino a domenica prossima, inizialmente per la Lombardia, il Veneto e il Piemonte, ora con questo dpcm abbiamo allargato anche a Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Liguria. In queste regioni, resta il divieto di manifestazioni sportive, per alcuni eventi abbiamo dato la disponibilità a svolgerli a porte chiuse”. Spadafora ha sottolineato che il provvedimento “non è stato esteso al resto d’Italia perché non esistono le condizioni per prendere misure gravi”. Quindi nel prossimo weekend si giocheranno – nelle zone a rischio – a porte chiuse le seguenti partite di Serie A: Juventus-Inter, Udinese-Fiorentina(sabato, ma c’è anche l’ipotesi che possa slittare a lunedì 2 marzo), Sassuolo-Brescia, Parma-Spal e Milan-Genoa. Gli altri incontri si giocheranno tutti a porte aperte (compreso Napoli-Torino). A porte chiuse anche la sfida di Europa League tra Inter e Ludogorets in programma giovedì sera al Meazza, come ha ufficializzato l’Uefa. AreaNapoli

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.