1 Condivisioni

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Maurizio Pistocchi, Mediaset: “Quello che poteva essere un ottimo strumento per comunicare, è diventato uno strumento per sfogare le proprie insoddisfazioni verso gli altri. I dati statistici dicono che a fine girone il Napoli ha lo stesso possesso palla dello Juve, gli errori è stato nei passaggi, molta disattenzione in fase difensiva, la partita col Parma in casa, la scivolata di Koulibaly, Di Lorenzo a centrocampo, Ospina contro la Lazio. Al di là di tutto, il problema è la testa dei giocatori su cui hanno influito tantissime cose: compresi i rapporti incrinati con la società. Sono esseri umani, se abbiamo un problema a casa, succede che ce lo portiamo a casa e viceversa. Bisogna accettare di capire che non sempre la testa delle persone è in grado di ottenere le stesse prestazioni. Sono ottimista, buona campagna acquisti. Demme è un giocatore ordinato e ordinario nelle giocate, non è Jorginho, ma è utile, si mette a disposizione. Lobotka ti assicura qualcosa in più sul piano dell’individualità. Il Napoli ha bisogno difensivamente di un leader che prenda il posto di Albiol che non può essere Manolas. Rrhamani è abituato a giocare in una difesa a 3, c’è molta differenza. Maksimovic a 3 funzionava, a 2 un po’ meno: c’è difficoltà nel passaggio. Sia Rrhamani che Kumbulla sono molto interessanti, ma quello che mi piace di più è Amrabat. Potrebbe diventare importantissimo, ma il Napoli ha già preso 2 di loro in quel ruolo”.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.