0 Condivisioni

Bastava un punto per conquistare matematicamente l’ottavo Scudetto consecutivo, invece Madama Juventus dovrà aspettare la gara del Napoli e in alternativa il prossimo weekend per provare a stappare la champagne. SPAL in delirio, tre punti salvezza essenziali grazie alla rimonta del Mazza e giù di polemiche. Contro i bianconeri.

Sul web infatti si parla tantissimo del maxi-turnover operato da Allegri per affrontare la SPAL in trasferta: secondo molti si sarebbe falsata la corsa salvezza a causa delle tante riserve messe in campo dai bianconeri, che avrebbero spianato la strada al successo della squadra di Semplici.

In conferenza stampa Allegri ha voluto rispondere, difendendo le sue scelte:

“La Juventus non ha falsato nulla. Abbiamo giocato 31 partite e sono arrivate 27 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta prima della partita di oggi”.

Impegnata ogni tre giorni a causa della Champions League, Allegri è convinto che la scelta di rivoluzionare la Juventus non avesse alternativa:

“Siamo andati ad Amsterdam mercoledì, abbiamo viaggiato giovedì, ieri siamo ripartiti per Ferrara. Abbiamo fatto una buona partita contro la SPAL e sicuramente avremmo fatto peggio con gli altri giocatori in campo”.

La Juventus affronterà l’Ajax Amartedì per il ritorno dei quarti di Champions League, con diversi dubbi di formazione: non hanno partecipato alla trasferta di Ferrara causa infortunio, infatti, Chiellini, Emre Can, Matuidi e Douglas Costa, tutti possibili titolari allo Stadium in caso di recupero dall’infortunio.

Oltre ai giocatori presenti nell’infermeria bianconera, però, Allegri ha deciso anche di risparmiare Cristiano Ronaldo, Bonucci, Szczesny e Mandzukic, così da evitare eventuali infortuni nella sì decisiva gara contro la SPAL, che ha comunque solo minimamente rimandato il discorso Scudetto.

Contro la SPAL sono così scesi in campo dal primo minuto gli esordienti Gozzi Kastanos, ai quali si sono uniti Nicolussi Caviglia Mavididi nella ripresa.

Pochissimi habituè della maglia da titolare a Ferrara: Bernardeschi, Dybala, Cancelo, De Sciglio e Bentancur non sono bastati alle altre contendenti alla salvezza, che speravano in un risultato positivo della Juventus in virtù di una SPAL ancora in lotta per non retrocedere. Un po’ meno dopo i tre storici punti contro la Juventus. Ripieni di polemiche post triplice fischio finale. Goal


LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.