6 Condivisioni

Le prime volte di Giovanni Di Lorenzo. Simpatica intervista del terzino del Napoli che per la prima volta vestirà anche ‘azzurro della nazionale italiana. «Ho cominciato a giocare a calcio con mio fratello in cortile, avevo 4 anni, seguivo i suoi allenamenti. Mi chiamarono Batigol da bambino, facevo gol e un dirigente tifoso della Fiorentina si inventò quel soprannome», ha raccontato.

«A scuola non ero sempre molto bravo, poi a 15 anni andai via da casa con la Reggina, fu un’esperienza bella anche difficile all’inizio. Il primo tatuaggio l’ho fatto con mio fratello a 18 anni». Ma l’azzurro era anche nel destino. «La prima maglia azzurra l’ho vestita nel 2013 in un torneo giovanile con Di Biagio, ho saputo della convocazione di Mancini a casa, ero sul divano e non me l’aspettavo, è stata un’emozione incredibile. Lo ringrazio, ora voglio vivermela alla grande». Mattino.it

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.