Condivisioni 6

Durante la trasmissione Domenica Premium, Daniele Massaro, bomber anni ’80-’90, ha detto la sua sulla lotta scudetto tra la Juventus e il Napoli soffermandosi sul momento poco incisivo degli azzurri

ADDIO SCUDETTO – Dopo il pareggio per 0-0 a San Siro contro il Milan e la successiva vittoria della Juventus contro la Sampdoria, la battaglia per il tricolore sembra essersi indirizzata a favore dei bianconeri che conducono ora con un vantaggio di 6 lunghezze. Secondo l’ex attaccante rossonero, ieri è stata decretata la parola fine nella lotta allo scudetto: “Napoli ancora in lotta per lo scudetto? Per me no, è stata una giornata pro Juventus perché nonostante l’uscita dalla Champions League la squadra ha reagito bene, la Sampdoria non è stata all’altezza, però le alternative che ha messo in campo Allegri hanno fatto la differenza”, chiaro il riferimento, dell’attuale commentatore Premium, sul cambio, anche se forzato, tra Miralem Pjanic e Douglas Costa autore di tre assist nelle reti juventine.

ATTACCO AL NAPOLI – Dopo l’elogio alla Juventus arriva anche il commento sugli azzurri, non più perfetti come ad inizio stagione. Il primo a farne le spese è l’attaccante Arkadiusz Milik, protagonista della più grande occasione della partita fermata da un ottimo intervento di Gianluigi Donnarumma. Massaro con ironia si lascia andare però ad una frecciata verso l’attaccante polacco: “Io segnavo al posto di Milik, però grande parata di Donnarumma”. Dunque un commento anche su gli altri componenti del tridente napoletano: “Insigne e Mertens hanno avuto una condizione ottimale all’inizio, poi un calo perché hanno sempre giocato. Il Napoli non può permettersi di fare turnover. Gli azzurri non hanno centrocampisti che fanno gol. È questa la differenza con la Juventus”. Itasportpress

LASCIA UN COMMENTO