Condivisioni 0

La sfida tra Napoli e Juventus continua. Prosegue il testa a testa, e se cosi sarà fino al giorno di Juventus – Napoli all’Allianz Stadium di Torino non sarebbe male.

La Juventus approfitta degli errori ‘mentali’ del Chievo, il Napoli soffre non poco col Bologna per tornare in testa al campionato. Verdi, nell’anonimato, lascia subito il campo per infortunio, Don Rodrigo Palacio comincia una grande sfida con Reina. Lo spagnolo dice no una volta su due all’argentino con un grande intervento è il Bologna passa in vantaggio.

Ma gli azzurri si rimboccano le maniche, è determinato e con i suoi campioni cominciano a puntare il Bologna mai domo che ci prova senza paura. Un’autorete di Mbaye su cross di Mario Rui riordina il match e pareggia la rete iniziale di Palacio. Pesa l’assenza di Albiol, Chiriches balla ed anche la difesa azzurra. Ma la forza offensiva dei partenopei che preme ai fianchi degli avversari prima o poi li fa crollare.

Un rigore generoso assegnato dall’arbitro Mazzoleni ai padroni di casa e del campionato apre la strada: Callejon va giù e Mertens non si ferma più. Il belga due volte di destro stende il Bologna e firma il controsorpasso alla signora bianconera. È il quinto successo degli azzurri sui bolognesi nelle ultime cinque sfide. Rigore di destro, capolavoro a giro di destro, Mertens è tornato e fa sul serio. La Juventus è avvertita.

57 a 56, punto a punto: il duello è entusiasmante. Le coppe come sempre ci daranno le prime sentenze su questa grande sfida del campionato italiano. L’unico in Europa ancora ‘vivo’.

La Juventus giocherà in settimana la prima semifinale di coppa in casa dell’Atalanta, il Napoli potrà preparare senza alcun impegno settimanale la sfida al Benevento per tenere in pugno la testa della classifica.

 

Giuseppe Libertino

3 COMMENTI

  1. Quanto sta succedendo è studiato a tavolino, perché si deve fare in modo da distogliere l’attenzione su quelli lì.
    Stanno cercando di farci dire che gli arbitri sbagliano ovunque, che il Napoli vince grazie alle sviste e che stiamo diventando come loro!
    Tutto questo per non far parlare dell’ennesimo scempio visto Sabato sera, ovviamente a loro favore.
    Il rigore non dato a Cacciatore è clamoroso!
    L’espulsione di Bastien arriva per il secondo giallo perché il “chievese” mette la mano sulla spalla al “verde acido”. Uguale a quanto fa Masina, il quale ci prova prima con una mano e poi con l’altra. Per quale motivo uno è fallo ed ammonizione mentre l’altro sarebbe un fallo inventato?
    Non mi sembra che il “verde acido” cada a terra o non possa proseguire la corsa, intanto viene assegnata la punizione e il mostrato il rosso.

    Politano: la juve ha in rosa una decina di esterni, tutti presi per non farli comprare al Napoli. Spero quasi che anche Politano vada alla juve per 30 milioni, però dopo voglio che TUTTI chiedano a Marotta come ha fatto a comprare un giocatore del Sassuolo se loro non avevano bisogno di vendere nessuno.
    Questo atteggiamento che loro hanno, ha un nome ben preciso: MAFIA

  2. Il giornalista e direttore di Sport Italia, Michele Criscitiello, ha espresso alcune considerazioni sui club della Serie A nel suo consueto editoriale per tuttomercatoweb.com. Eccone un estratto: “Napoli
    e Juve stanno facendo e faranno un campionato a parte. Si fanno la
    guerra dentro e fuori dal campo. Dispetti sul mercato e strategie per
    non far crescere l’altra. La Juventus non brilla ma a marzo ed aprile
    potrebbe essere più in forma del Napoli. Il Napoli sta facendo i
    miracoli ma la sensazione è che possa accusare un calo, visti i pochi
    uomini a disposizione”.

    “Sarri meriterebbe un grande calciatore per potersi giocare il
    sogno scudetto fino a maggio. I napoletani meritano di rivivere queste
    emozioni. Gli ultimi che le hanno vissute, ormai, hanno una certa età,
    alcuni non ci sono più, altri (i più giovani) non sanno neanche cosa
    vuol significare vincere lo scudetto a Napoli.
    I tifosi juventini, invece, sognano solo la Champions perché lo scudetto è bello da vincere ma ormai è semplice routine. La domenica della festa:due bandierine, due sms di sfottò agli amici interisti e milanisti e tutti a casa a riposare che domani è lunedì e si deve andare a lavorare. La serie A avrebbe bisogno di un colpo di scena ma capisco che la Juventus,alla lunga, resta la favorita assoluta per la conquista del titolo.
    Sandra e Raimondo non ci sono più ma sappiamo bene cosa direbbero in questi casi”.

    Condivido con lui al 100% e aggiungo che se il Napoli si dovesse fermare a Younes sarebbe un mercato da 5.

  3. Ragazzi poche storie se la società non interviene subito sul mercato a marzo rischiamo di fare la fine degli anni scorsi.
    Sarri va immediatamente aiutato.

LASCIA UN COMMENTO